Hack The Matrix
Archeologia Misteriosa

C’è una città sotterranea sotto le piramidi di Giza (Video)

loading...

C’è un’incredibile città sotterranea “Perduta”, situata sotto le Piramidi di Giza, e nonostante il fatto che solo pochi la conoscana oggi, è stata estremamente ben documentata in passato.

Il misterioso altopiano di Giza, è ancora più sorprendente una volta che ti rendi conto che l’antica città di Memphis, (Giza), è piena di passaggi sotterranei, pozzi, un sistema di caverne e camere che sono sostenute sulle sue mura, migliaia di anni di storia insieme a innumerevoli artefatti. Tuttavia, le autorità egiziane non sono disposte a rivelare ciò che giace sotto Giza al grande pubblico, come molte altre scoperte fatte nel corso degli anni in Egitto.

C’è una storia perduta completamente ignorata dagli studiosi del mainstream, quando si parla della civiltà dell’antico Egitto e delle enigmatiche piramidi che, secondo molti, precedono la stessa civiltà egizia. Per comprendere appieno le parti parziali della storia che ci è stata insegnata a scuola, dobbiamo capire che innumerevoli scoperte sul nostro pianeta sono state completamente ignorate o nascoste dagli studiosi mainstream.

Una di queste scoperte ebbe luogo in Egitto, dove fu scoperto un sistema di tunnel sotterranei con camere e stanze sotto la superficie dell’altopiano piramidale. Una storia genuina di ciò che accadde sotto le sabbie, migliaia di anni fa, non è presente negli insegnamenti generali delle nostre civiltà passate, e il riflesso di ciò, sono le innumerevoli scoperte fatte negli ultimi decenni che indicano chiaramente la storia come lo conosciamo, è solo parziale.

Per comprendere l’enigmatica “città” sotterranea situata sotto il plateau di Giza, ci siamo avventurati fuori dal distretto di Fayum Oasis, situato a pochi chilometri da Memphis. Vale la pena ricordare che in passato, il lago Moeris, confinava con l’oasi Fayum e proprio sulle sue rive c’era l’enigmatico Labirinto descritto da Erodoto, come “una meraviglia infinita per me”.

Si dice che il misterioso “Labirinto” era di dimensioni impressionanti, e che contenesse fino a 1.500 stanze e una uguale quantità di camere sotterranee, che il filosofo greco non aveva il permesso di ispezionare. Secondo i Guardiani del Labirinto, “i passaggi erano sconcertanti e intricati”, creati per mantenere gli innumerevoli antichi testi e pergamene al sicuro nelle numerose camere sotterranee. per i maghi. In effetti, questo antico complesso impressionò Erodoto in modo tale che si sentì in dovere di parlare della misteriosa struttura.

Lì vidi dodici palazzi sistemati regolarmente, che avevano comunicazione tra di loro, intervallati da terrazze e disposti intorno a dodici stanze. È difficile credere che siano opera dell’uomo, le pareti sono ricoperte di figure scolpite e ogni patio è squisitamente costruito in marmo bianco e circondato da colonne. Vicino all’angolo dove finisce il labirinto, c’è una piramide alta duecentoquaranta piedi, con grandi figure intagliate di animali e un passaggio sotterraneo attraverso il quale è possibile entrare. Mi è stato credibilmente detto che le camere ed i passaggi sotterranei collegavano questa piramide con le piramidi di Memphis, Giza.

Infatti, il vecchio Memphis (Giza), ha un gigantesco sistema sotterraneo che combina una serie di intricati passaggi artificiali, fiumi e gallerie sotterranee. Sebbene siano state descritte migliaia di anni fa, le gigantesche cavità sotterranee sono state mappate dal 1978, usando un radar penetrante a terra grazie alle esplorazioni dirette dal Dr. Jim Hurtak, che si dice sia entrato nelle camere delle più grandi cattedrali mai costruite dall’uomo moderno. Tuttavia, oltre a quanto detto qui sopra, ha anche parlato della gigantesca metropoli sotterranea situata sotto l’altopiano di Giza, che si dice abbia almeno 15.000 anni.

È interessante notare che ci sono numerosi autori antichi che hanno sostenuto gli scritti di Erodoto. È interessante notare che Giamblico, noto anche come Giamblico Chalcidensis o Jámblico di Apamea, un filosofo neoplatonico siriano, ci ha lasciato informazioni  su una via che attraverso il corpo della Sfinge conduce alla Grande Piramide di Giza.

Questo ingresso, ostruito ai nostri giorni da sabbia e immondizia, può ancora essere tracciato tra le zampe anteriori della Sfinge. Precedentemente era chiuso da una porta di bronzo, la cui fonte segreta poteva essere gestita solo dai Magi. Era protetto dal pubblico e una specie di paura religiosa manteneva la sua inviolabilità, meglio di quanto avrebbe fatto una protezione armata. Nel ventre della Sfinge sono state tagliate le gallerie che conducono alla parte sotterranea della Grande Piramide.

Queste gallerie si incrociavano abilmente lungo il loro corso per la Piramide, e se si andava per questi corridoi senza una guida, inevitabilmente si ritornava al punto di partenza.

Crantor (300 aC) sosteneva che un insieme di pilastri sotterranei in Egitto conteneva annotazioni scritte di pietre della preistoria, Crantor sosteneva anche gli scritti di Erodoto. Ancora più interessante, tuttavia, è il fatto che negli antichi sigilli cilindrici sumerici siano scritti i registri degli Anunnaki e la loro dimora segreta, che è stata descritta come:

“Un luogo sotterraneo …, il suo ingresso nascosto dalla sabbia e da ciò che chiamano Huwana … i suoi denti  sono quelli di un drago, e il suo volto … è il volto di un leone”.

Gli antichi testi sumerici hanno sorprendentemente fornito una descrizione sulla Sfinge che aveva la testa di un leone, ed era un monumento che presumibilmente precede le civiltà dell’Antico Egitto, ed è stato istituito per proteggere le Piramidi e le innumerevoli camere e tunnel sotto Giza.

 

Tuttavia, troviamo più prove di grandi camere sotterranee negli scritti dello storico romano Plinio nel primo secolo, che ha documentato che sotto l’immensa Sfinge, v’è una “tomba di un principe di nome Harmakhis, che contiene un grande tesoro”. Sorprendentemente, la Grande Sfinge una volta era chiamata “La Grande Sfinge Harmakhis, la guardia fin dai tempi dei seguaci di Horus”.

Lo storico romano del quarto secolo, Ammiano Marcellino, documentò l’esistenza di passaggi che conducono alla Grande Piramide di Giza.

“Le iscrizioni che gli antichi hanno inciso sulle pareti di alcune gallerie sotterranee, indicano che passaggi sono stati costruiti in profondità nell’interno buio per preservare la saggezza antica, persa nel diluvio universale.”

Altre prove si trovano in un manoscritto documentato dallo scrittore arabo Altelemsani e conservato nel British Museum. .. Altelemsani, ha documentato l’esistenza di una vasta camera sotterranea che si trova sottoterra, tra la Grande Piramide e il Nilo. Altelemsani, ha scritto che c’era qualcosa di enorme che bloccava l’ingresso dal Nilo. Altelemsani ha scritto:

” … In tempi di Ahmed Ben Touloun, un gruppo è entrato nella Grande Piramide attraverso il tunnel, e ha trovato in una camera laterale, un calice di un colore molto raro composto da uno strano materiale. Quando se ne andarono, videro che mancava uno di loro, che dopo un pò riapparve avvicinandosi a loro nudo e ridendo dicendo: “Non mi seguite e non cercatemi”, e poi si affrettaronoad uscire dalla piramide. I suoi amici hanno capito che il posto era incantato. “

Dopo aver appreso degli strani eventi sotto la Piramide, Ahmed Ben Touloun ha espresso il desiderio di vedere il calice di vetro. Durante l’esame del calice, fu riempito d’acqua e pesato, quindi svuotato e ripesato. Lo storico ha scritto che “che aveva lo stesso peso, sia  vuoto che pieno d’acqua”.

Curiosamente, durante il decimo secolo, uno scrittore di nome Masoudi, sostenne che nelle gallerie sotterranee situate sotto la Grande Piramide di Giza, c’erano statue meccaniche di guardiani. La sua descrizione, mille anni fa, può essere paragonata ai robot computerizzati che si vedono oggi. Secondo Masoudi, questi robot erano programmati per distruggere tutti “tranne quelli che con la loro condotta erano degni di essere ammessi”. Scrisse: “… Le narrazioni scritte di saggezza e acquisizioni nelle diverse arti e scienze, erano profondamente nascoste, che potevano rimanere come documenti a beneficio di coloro che in futuro potevano capirli …”.

Masoudi ha confessato: “… ho visto cose che non posso descrivere per paura di far dubitare della mia intelligenza … ma le hoviste …”.

Secondo Erodoto, gli antichi sacerdoti egizi hanno parlato di una lunga tradizione di creazione di camere sotterranee, da parte dei costruttori originari dell’antica Memphis. È interessante notare che queste storie sono state confermate quando grosse cavità sono state scoperte durante una ricerca condotta a Giza nel 1993.

Le relazioni che supportano l’esistenza di grandi videocamere sono state documentate da un servizio giornalistico chiamato “Mystery Tunnel in Sphinx”:

“I lavoratori che riparano la Sfinge hanno scoperto un antico passaggio che conduce all’interno del misterioso monumento. Il capo delle Antichità di Giza, il signor Zahi Hawass, ha affermato che non vi è alcun dubbio che il tunnel fosse molto antico. Tuttavia, la cosa sconcertante è: chi ha costruito il passaggio? E perché? Inoltre, dove conduce? Mr. Hawass ha detto che non aveva intenzione di rimuovere le pietre che bloccavano l’ingresso. Il tunnel segretoè nel lato nord della Sfinge, a metà strada tra le gambe estese della Sfinge e la sua coda. “

Nel 1935, sono emerse storie incredibili dopo che è stato realizzato un progetto di pulizia decennale. Un articolo pubblicato lo stesso anno, da Hamilton M. Wright, descriveva l’esistenza delle aree sotto Giza. Questa informazione, come molte altre scoperte, è ancora negata dalle autorità egiziane nonostante le numerose prove che dimostrano la sua esistenza.

L’articolo diceva: “… Abbiamo scoperto un tunnel usato dagli antichi egizi di 5000 anni fa. Passa sotto la strada che conduce tra la seconda piramide e la Sfinge. Il tunnel passa sotto la strada della Piramide di Cheope, fino alla Piramide di Khafre. Da questo tunnel, abbiamo portato alla luce una serie di pozzi che portano a cortili e camere laterali … “.

L’esistenza delle vaste camere sotterranee di Giza è ben documentata, anche se alcune persone in tutto il mondo non conoscono la sua esistenza. Rapporti dai media negli anni ’30, descrivono camere sotterranee e passaggi,  situati sull’altopiano nei pressi del Tempio della Sfinge, nella Valle di Giza.

Situato nel mezzo tra la Grande Sfinge e la Grande Piramide, furono scoperti anche quattro enormi assi verticali, ciascuno di circa otto piedi quadrati, che conducevano alle camere interne attraverso il massiccio pasadiso calcareo.

“… Si chiama” la Tomba di Campbell “disse il dottor Selim Hassan,” finì in una stanza spaziosa, al centro della quale c’era un altro pozzo che scendeva in un ampio cortile fiancheggiato da sette camere laterale … “

Secondo i rapporti, all’interno delle stanze segrete c’erano enormi sarcofagi sigillati di basalto e granito, alti circa 18 piedi. Nel 1935, quando il Dr. Selim Hassan stava esplorando l’area, scrisse:

“… Speriamo di trovare alcuni monumenti importanti dopo aver pulito quest’acqua. La profondità totale di questa serie di pozzi è di 125 piedi. Nel corso della pulizia della parte meridionale del passo, è stata trovata una testa molto fine di una statua che è molto espressiva in ogni dettaglio del viso … “.

In aggiunta a quanto sopra, il Dr. Selim Hassan, ha anche riferito sulla scoperta di tre cortili interni ed esterni, e una stanza che hanno chiamato, la “Cappella delle Offerte”, tagliata in un massiccio sperone roccioso, trovato tra la Tomba di Campbell e la grande piramide. I rapporti indicano che al centro della cappella ci sono tre pilastri ornamentali verticali, disposti in un disegno triangolare. I pilastri sono punti estremamente importanti, poiché si ritiene che la loro esistenza sia stata registrata nella Bibbia.

Si ritiene che Esdra, lo scrittore iniziato della Torah, fosse a conoscenza dell’esistenza dei passaggi e delle grandi sale al di sotto di Giza, anche prima di scrivere la Torah. È interessante notare che i rapporti di “sofisticate macchine mobili” scoperti a Giza, insieme a una città sotterranea precedentemente sconosciuta, si trovano in un articolo scritto dal Sunday Express del 7 luglio 1935.

Tuttavia, nonostante ampi testi antichi che documentano l’esistenza di vasti tunnel, camere e passaggi sotto Giza, le autorità egiziane hanno a lungo negato la loro esistenza, insieme ad altre incredibili scoperte in Egitto.

Secondo i resoconti, l’inaccessibile città sotterranea è accessibile dall’interno della Sfinge, con le scale scavate nella roccia solida, che conduce al sistema di caverne sotto il letto del fiume Nilo. L’enorme e complesso sistema sotterraneo sotto l’altopiano di Giza, si estende verso est, verso il Cairo. I testi storici documentano il gran numero di scavi effettuati nel corso del XX secolo, hanno evidenziato incredibili  scoperte che vengono tenute lontano dalla società.

Come abbiamo menzionato nei video precedenti, esiste un modello specifico e rigoroso implementato nella società di oggi, in cui solo alcune informazioni vengono divulgate al mondo, mentre la maggior parte delle parti rimane chiusa a chiave da occhi indiscreti, quasi come se ci fosse un livello nascosto di censura, specificamente progettato per proteggere parti della storia appartenenti all’umanità…

source

loading...

Related posts

Orme giganti sono state trovate in un antico tempio in Siria. Ulteriore prova dell’esistenza degli Anunnaki?

Deslok

DA UNA TRADUZIONE DEI MANOSCRITTI DEL MAR MORTO: L’ARCA DI NOE’ ERA PRESUMIBILMENTE UNA GRANDE PIRAMIDE

Deslok

Ricercatore finlandese, scopre anomalie nelle Piramidi in Bosnia

Deslok

3 comments

C’è una città sotterranea sotto le piramidi di Ghiza – Complottisti marzo 2, 2018 at 6:35 pm

[…] Tratto da: hackthematrix Article Tags:gaza · piramidi · scienza Article Categories: Scienza […]

Reply
Carolien marzo 6, 2018 at 7:32 am

Desde aqui un bermellon. La temporada con Giza fue increible. Tambin me atrevo a decir que si Patrick Vieira no le lesiona (varios meses out) en nuestro debut contra el Arsenal en Champions (fecha muy recordada por otras razones 11 de Septiembre de 2001), no hubieramos caido en la fase de grupos, y no lo hubiesemos pasado tan mal en liga, salvandonos in extremis contra el Valladolid con gol de Albert Luque. Un apunte, con Luis Aragones y Etoo recuerdo que se vio algo que no se le volvi a ver a Ibagaza: facilidad goleadora. Esa temporada en el Mallorca marc 8 goles, complementando una enorme linea de mediapuntas (4-2-3-1) junto con Finidi y unos Alvaro Novo y Campano que se alternaban porque estaban en el mejor punto de sus carreras, y con Marcos Martin y Engonga cubriendoles las espaldas. Ese Mallorca era vertiginoso, mataba a la contra y los 3 mediapuntas caian por cualquier lado. El unico pero, que mi queridisimo Jovan Stankovic no encajo y se fue al OM de Clemente! Despues vino Manzano en su primera etapa y se invent un 442 con rombo con Harold Lozano en la base, Albert Riera y Novo en las bandas y el Cao repartiendo caramelos a Samuel Etoo y Walter Pandiani. Y as se gan nuestro mayor ttulo oficial, la Copa del Rey de 2003 en Elche, jugando contra el Recre en la final, pero habiendo eliminado al Gramanet, Hercules, Valladolid, Real Madrid, Deportivo y en la final al Recreativo de Huelva. Que grandes recuerdos, gracias por este artculo

Reply
dlesofski marzo 6, 2018 at 10:30 pm

Postato da: Deslok, thanks so much for the post.Really thank you! Keep writing.

Reply

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.