Ex pilota della CIA: “Ci sono colonie umane sulla Luna e su Marte” (Video)

Durante un’intervista ad un programma sul mistero statunitense “Coast to Coast”, John Lear, un pilota della CIA in pensione, ha rilasciato forti dichiarazioni riguardo alla Luna, Marte e alla tecnologia aliena utilizzata dalla NASA.

John Lear è un ex capitano dell’aeronautica degli Stati Uniti e un pilota della CIA . Figlio dell’inventore del motore Lear Jet , ha volato con più di 150 velivoli di prova.

Detiene anche 18 record mondiali di velocità , ha lavorato con 28 compagnie aeree e vanta diversi riconoscimenti dalla Federal Aviation Administration .

Tuttavia, Lear è noto oggi perché, dall’inizio degli anni ’80 alla metà degli anni ’90, ha rivelato informazioni riservate sulla NASA   e sui viaggi spaziali.

John Lear: Hidden Secrets of NASA

Nel 1953, il veicolo spaziale alieno noto come EBE 3 si schiantò sulla Terra . Grazie alla sua tecnologia, l’Aeronautica degli Stati Uniti ha costruito veicoli spaziali avanzati.

Nel 1962, grazie al reverse engineering, riuscirono a costruire navi che, pur non potendo raggiungere la velocità della luce, potevano raggiungere la Luna in un’ora . Qualche anno più tardi secondo le parole di Lear precisamente nel 1966, arrivarono su Marte .

Le missioni energicamente annunciate e pubblicizzate non erano altro che cortine fumogene affinché la popolazione si concentrasse su di esse. Le vere missioni lunari erano già in essere sul satellite e stavano già costruendo edifici .

Nel 1966, la superficie di Marte fu raggiunta per la prima volta e, da allora, la maggior parte dei pianeti del Sistema Solare è già stata esplorata. 

In tutti loro è stata trovata una vita quasi umana. Questa informazione è stata confermata anche da David Wilcock e Henry Deacon.

Negli anni ’70, la NASA iniziò a rimuovere le immagini scattate da Apollo 8, 10 e 11. Queste furono pubblicate nel libro del 1971 “SB2-46”.

“Città lunari e intervento extraterrestre”

In queste fotografie si possono vedere una città , una base spaziale , strade, tubi, vegetazione, un’atmosfera con il 66% di gravità rispetto alla Terra. Oltre all’elettricità, alle attività minerarie e a un reattore nucleare .

Lear ha assicurato che tutto questo lavoro è stato possibile grazie all’intervento extraterrestre .

In effetti, molti degli edifici attualmente in uso erano già sulla Luna prima di raggiungerla. Il resto è stato fatto negli ultimi 40 anni.

Ha anche menzionato che suo padre, negli anni ’50, era coinvolto in diversi programmi per sviluppare la tecnologia antigravitazionale . Tecnologia che rimane segreta.

La cosa più sorprendente è che molti funzionari militari e di peso hanno confermato molte di queste affermazioni. Tra i più importanti ci sono Phil Corso , David Wilcock , Glen Steckling , tra gli altri.

La ricerca aliena, il ohn lear, base sulla luna, base su marte, e l’interazione con civiltà sviluppate di altri mondi non sono una novità. Non è la prima volta che i funzionari dichiarano cose simili, a volte, costandogli anche la libertà.

Riferimenti UFO-Spain.com

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.