Dom. Giu 16th, 2024
1.1K+Shares

Se vivete isolati dal resto del mondo in una remota caverna lontana dalla civiltà o siete stati troppo distratti, potrebbe essere sfuggita la notizia che ha fatto scalpore nei media internazionali e su Internet questa settimana: delle presunte mummie extraterrestri sono state “svelate” durante un’udienza pubblica al Congresso del Messico.

Ma queste mummie sono autentiche? Per iniziare la discussione sull’argomento, è importante chiarire che questa non è una scoperta recente, come molti credono erroneamente.

Le mummie in questione sono state presentate già nel 2017, suscitando un ampio dibattito che è proseguito sul nostro sito dal 2017 al 2021. Pertanto, condivideremo alcuni punti di interesse che dovrebbero essere tenuti in considerazione prima di giungere a una conclusione sulla loro autenticità e sulla possibile origine extraterrestre.

A supporto di questa tesi, ci sono alcuni professionisti dei settori medico e archeologico (anche se pochi).

In un articolo precedente è stato riferito che il laboratorio BioTecMol ha dichiarato di aver scoperto che il 70% del DNA delle mummie non è di origine umana.

In un articolo il Dr. José de Jesús Zalce Benites, un esperto forense, ha rischiato la sua reputazione affermando che le mummie potrebbero essere effettivamente di origine extraterrestre o rappresentare almeno una nuova specie finora sconosciuta sulla Terra. Inoltre, il Dr. Edson Vivanco, uno specialista in anatomia scheletrica, ha concluso dalla sua analisi che non si tratta di resti umani. Tuttavia, nello stesso articolo si fa riferimento a risultati del DNA che sembrano suggerire il contrario, portando ad argomenti contrari a queste affermazioni.

In effetti, alcuni test del DNA hanno indicato che i resti mummificati erano del tutto umani, mentre altri risultati hanno generato dubbi. Sono proprio questi risultati incerti a scatenare il dibattito tra coloro che sostengono di avere prove tangibili dell’esistenza di corpi alieni.

Altri studi e analisi hanno addirittura suggerito che le ossa delle mani delle mummie sono state assemblate utilizzando ossa di individui diversi, compresi ossi che non appartengono alla stessa mano.

È importante notare che questa conclusione è stata raggiunta mediante un esame a distanza delle radiografie, condotto da esperti che non hanno avuto contatto diretto con i corpi.

Tuttavia, ciò che più danneggia la credibilità di questa tesi è il fatto che il noto ricercatore di UFO, Jaime Maussan, sia stato la persona a presentare il caso al Congresso del Messico e sia stato coinvolto sin dall’inizio.

Per coloro che non lo conoscono, Maussan è una specie di “pastore che urlava al lupo” nella fiaba (se non conoscete questa storia, potete trovarla qui). La sua reputazione è così compromessa che anche se il “vero lupo” si avvicinasse, difficilmente verrebbe preso sul serio.

La situazione è arrivata a un punto tale che quando l’ex pilota della Marina degli Stati Uniti, Ryan Graves, anch’egli presente all’evento e testimone davanti ai legislatori messicani, ha assistito alla presentazione di Maussan, ha scritto su un social network:

“Dopo aver testimoniato sugli UFO al Congresso degli Stati Uniti, ho accettato un invito a testimoniare davanti al Congresso messicano, con la speranza di mantenere alto l’interesse del governo per le esperienze degli equipaggi con gli UFO. Purtroppo, la presentazione di ieri rappresenta un notevole passo indietro in questa questione.

La mia testimonianza si è concentrata sulla condivisione delle mie esperienze e dei resoconti sugli UFO raccolti tra i membri degli equipaggi commerciali e militari tramite il programma di testimonianza dell’ASA. Continuerò a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento degli UFO, ritenendolo una questione di sicurezza aerea, sicurezza nazionale e scienza di primaria importanza. Sono profondamente deluso da questa iniziativa priva di fondamento.”

In questo modo prosegue lo studio degli UFO, il che non sorprende, poiché in tutti i settori della cultura umana troviamo una varietà di prospettive, sia quelle che contribuiscono che quelle che intralciano.

Indipendentemente dal coinvolgimento di Maussan nel caso delle mummie, ritengo che sia ora un obbligo per la comunità scientifica condurre una rigorosa indagine sull’argomento e fornire prove irrefutabili, che non lascino spazio a dubbi, al fine di porre fine a questa controversia una volta per tutte. Fino a quando ciò non avverrà, continueranno a emergere opinioni da entrambe le parti, complicando la situazione. Ricordiamo che questa questione è in discussione dal 2017.

Ma allora, le presunte “mummie aliene” sono autentiche o no?

Unisciti a noi. Segui Hackthematrix  su Facebook. Unisciti al nostro  gruppo Telegram . Seguici  anche su  Google News 

Source

1.1K+Shares

Di Deslok

Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.