Hack The Matrix
Riflessioni

La competizione e la saggezza del mettersi in disparte.

loading...

la competizioneLa società ci spinge ad essere competitivi, fin dalla tenera età ; dalla scuola al lavoro, ed infine nella vita privata.

Da piccoli abbiamo un contenitore di purezza infinita, ma viene stuprato da menti contaminate, che agiscono come una lavatrice , come un fluido negativo.

Impariamo a sopravvivere in maniera sbagliata, schiacciando gli altri senza rispettare nulla.

Questo lo capiamo subito, sin da bambini, quando perdiamo quella bellissima semplicità che ci distingue da qualunque essere sulla terra.

Veniamo improvvisamente deviati dalla “malizia”.

Quel modo di far intendere che tutto è accessibile con strategie e sotterfugi vari.

Con il tempo la malizia si mimetizza in furbizia , così falsamente glorificata da tutti.

I bambini la riconoscono inconsapevolmente, e la fanno propria, conservandola subdolamente come arma di distruzione.

Con il tempo inquina la mente, si mescola con la competizione ed ecco che si trasforma in cattiveria.

Così ci dimentichiamo completamente di quella luce che avevamo da bambini, ingenua e dolce; diventiamo arroganti , maligni e insensibili.

La competizione in se potrebbe essere magnifica , vista come esplorazione di noi stessi, per osservare i nostri limiti e cercare l’infinito dentro la nostra anima.

Purtroppo si sporca quando entra in gioco la deviazione psicologica che abbiamo subito .

La competizione crea enormi separazioni , differenze, logora chi la subisce senza apprezzare la forza che da il mettersi in disparte.

Quanti di noi sanno mettersi in disparte veramente, quanti sono totalmente liberi di farlo, senza avere un senso di privazione, senza far accendere il proprio ego di sconforto e frustrazione.

Pensate solo essere partecipi ad una conversazione; quanti vogliono essere protagonisti a tutti i costi, quanti si vogliono imporre, esordire con le proprie considerazioni, far ridere, passare per interessanti o intelligenti.

Quanti onestamente sanno mettersi da parte pur godendo di quegli attimi di condivisione, senza avere un dolore allo stomaco che ti dice di essere una nullità.

Credo pochi a parere mio, poiché serve un’onestà ed un equilibrio che pochi hanno, perchè devono rinunciare a piccoli istanti di gloria effimera.

Le persone che sanno mettersi in disparte; quelli che rinunciano alla competizione di ogni giorno, senza mettersi in luce agli occhi degli altri , sono quelli che da bambini hanno capito la semplicità e il candore della vita, e sono rimasti tali!

di Filippo Celati

loading...

Related posts

Le divisioni, i migranti e l’odio… Andiamo in pace !

Deslok

Se materia ed energia sono la stessa cosa, allora tutto assume un altro significato

Deslok

Sul Bene e il Male

Deslok

2 comments

La competizione e la saggezza del mettersi in disparte. | Misteri e Controinformazione – Newsbella maggio 30, 2015 at 8:14 am

[…] FONTE: La competizione e la saggezza del mettersi in disparte. […]

Reply
mastrangelo maggio 30, 2015 at 11:32 am

articolo favoloso. dovrebberlo stamparlo e metterlo sui muri delle citta’ , nelle scuole, prenderlo come guida per corsi e seminari da fare ai ragazzi.
chi lo ha scritto e’ meritevole di un plauso sociale.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.