Nan Madol: “La città costruita 14.000 anni fa da una civiltà perduta”

Nel 2016, l’UNESCO ha dichiarato le misteriose rovine situate su un’isola nell’Oceano Pacifico come Patrimonio dell’Umanità. Questa enigmatica città è Nan Madol e la sua origine sconosciuta rimane una missione “impossibile” per l’archeologia.

I ricercatori non sono stati in grado di stabilire chi siano stati i suoi costruttori . Nonostante i diversi studi effettuati da vari esperti, Nan Madol non è riuscita a essere decifrata nemmeno con una tecnologia avanzata .

L’enigma di Nan Madol

A sud dell’isola di Pohnpei , nel mezzo dell’Oceano Pacifico, si trova una delle grandi meraviglie dell’archeologia; Nan Madol.

È stata costruita sulle barriere coralline utilizzando enormi rocce basaltiche. Il peso delle enormi rocce varia tra le 5 e le 40 tonnellate . Qualcosa di veramente impressionante se si tiene conto che la città risale al II secolo d.C. c.

Quando i primi esploratori europei arrivarono in città, furono sorpresi al punto da considerarla l’ ottava meraviglia del mondo . Gli edifici megalitici sono ancora in piedi, anche le loro fondamenta che sono sott’acqua.

Sfortunatamente, le rovine non hanno elementi artistici o petroglifi per aiutare a determinare quando fu costruita. Né si può stabilire quale civiltà l’abbia abitata. Su questo punto, ci sono diverse discrepanze tra gli esperti. Differenze che hanno reso Nan Madol un mistero irrisolto .

Finora, e sulla base dei resti umani trovati sull’isola, la città risale al II secolo d.C. C., 14.000 anni fa .

Ma è possibile che questa data corrisponda solo ai resti, e non alla costruzione . Ci sono prove a sostegno di questa teoria. Un fatto sorprendente è che le fondamenta di Nan Madol sono sommerse.

Mistero archeologico

Come potevano iniziare la costruzione con rocce così grandi e pesanti sott’acqua in quel momento? Questo dettaglio suggerisce che Nan Madol all’inizio fosse sopra il livello del mare e poi affondò. Ma questo approccio non è supportato dai geologi.

L’isola di Pohnpei non è mai stata interessata da un fenomeno di affondamento, come è successo con altre città. Allora come ha fatto a rimanere sott’acqua?

Finora ci sono 2 opzioni; la prima si basa su argomentazioni scientifiche logiche legate all’aumento delle acque oceaniche. L’altra è attribuita ad un’antica leggenda .

Secondo storici e geologi, l’ultima deglaciazione su larga scala si è verificata 14.000 anni fa. Il ghiaccio che ricopriva gran parte della Terra si sciolse, provocando un innalzamento del livello del mare fino a 100 metri .

Quindi Nan Madol essendo datata a 14.000 anni fa sprofondò. Ma questa teoria non è accettata dai principali ricercatori di Nan Madol.

Le indagini effettuate dai subacquei hanno permesso di osservare che sotto il mare ci sono resti della città . Non solo parti di vecchie strade, ma ci sono anche viali e cimiteri che facevano parte degli isolotti.

Ma questo porta ad altre domande: come sono state trasferite sull’isola più di 100mila tonnellate di roccia basaltica?

Una leggenda

C’è una leggenda su stregoni gemelli di nome Olisihpa e Olosohpa. Questo racconto dice che provenivano da un luogo mistico chiamato “Western Katau”, e che arrivarono in canoa a Nan Madol.

Quando si stabilirono, iniziarono a costruire un altare per adorare il dio dell’agricoltura Nahnisohn Sahpw. La leggenda narra che usassero poteri magici per controllare un drago volante, facendo levitare le enormi pietre sull’isola.

Dopo la morte di Olishpa, il primo rappresentante della dinastia Saudeleur si sarebbe insediato nell’isola attraverso Oloshohpa.

Ricercatori alternativi ritengono che le rovine di Nan Madol potrebbero far parte di continenti perduti come Mu e Lemuria , come riportato nel libro The Lost Continent of Mu, Motherland of Man pubblicato nel 1926 da James Churchward .

David H. Childress , ricercatore e scrittore, ha anche affermato che potrebbe essere collegata a Lemuria.

Bill S. Ballinger ha teorizzato nel suo libro del 1978, Lost City of Stones, che Nan Madol fu costruita da marinai greci nel 30 a.C. c.

La gente del posto la chiama “l’Atlantide del Pacifico”, poiché antiche storie delle città vicine raccontano che li si nasconde un’altra misteriosa città sotto il mare, che di tanto in tanto emette luci.

Nonostante anni di ricerca, non ci sono risposte chiare al mistero della civiltà perduta: è stata fondata 14.000 anni fa? 

Come l’hanno costruita? Cosa è reale e cosa è un mito?

Riferimenti ufospain.es

#hackthmatrix

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.