Gli alieni esistono? “Lasciate che il mondo si prepari alla notizia imminente” (Video)

Il 25 giugno il governo degli Stati Uniti consegnerà al Congresso un rapporto che romperà un tabù: gli UFO esistono, ma poiché non si sa cosa siano, non possono essere classificati come extraterrestri.

Venerdì 25 giugno, come scadenza, la CIA consegnerà all’House Intelligence Committee il rapporto più completo e trasparente mai realizzato su un mistero che ha affascinato l’opinione pubblica dalla metà del secolo scorso: gli oggetti volanti non identificati.

O come preferiscono ora dire gli ufologi e le agenzie di intelligence statunitensi: fenomeni aerei non identificati.

Quattro giorni dopo che è stata resa pubblica la data di questo evento, l’aspettativa è salita all’estremo e  i pochi che hanno già letto il rapporto non sono stati in grado di sopportarlo e hanno fatto trapelare parte del suo contenuto che è riassunto come: “Gli UFO esistono”.

Alcuni, come il deputato repubblicano Tim Burchett , hanno dichiarato a TMZ: “Chiaramente sta succedendo qualcosa e non sappiamo controllarlo.”

Ma non è tutto oro quello che luccica…

Delle migliaia di avvistamenti registrati di oggetti sconosciuti, la maggior parte si è rivelata un’illusione ottica o un rozzo fotomontaggio, ma, secondo la fonte contattata da “The New York Times”, almeno “120 incidenti avvenuti negli ultimi due decenni non sono dei falsi e non sono oggetti appartenenti a nessuna tecnologia militare statunitense”.

Si deduce che, se una tecnologia così sofisticata non è di proprietà della prima potenza mondiale è praticamente impossibile per un’altra potenza averla segretamente e comunque l’intelligence statunitense lo saprebbe già.

Cosa hanno visto i piloti al largo di San Diego?

Nel novembre 2004, due aerei da combattimento della portaerei USS Nimitz erano al largo della costa di San Diego quando incontrarono un’imbarcazione ovale biancastra che galleggiava sopra il mare con una forma insolita.

Quando uno degli aerei iniziò a volteggiare verso il basso per dare un’occhiata più da vicino, l’oggetto – che non aveva ali e nessun evidente mezzo di propulsione – salì verso di lui e poi si allontanò.

“Quando mi sono avvicinato all’oggetto”, ha detto il pilota David Fravor al “New York Times”, ha accelerato rapidamente verso sud, e se n’è andato in meno di due secondi”.

“Era estremamente ruvido, come una pallina da ping pong che rimbalza su un muro… Ha accelerato come non avevo mai visto prima”.

Più tardi quella notte, il comandante Fravor ha detto a un collega pilota che non aveva idea di ciò che aveva visto: “Non aveva ali o rotori e ha superato i nostri F-18”. E ha aggiunto, tra ammirato e incredulo: “Voglio farne uno”.

Altri casi studiati che non hanno raggiunto alcuna conclusione includono un disco rotante che è stato visto sorvolare l’aeroporto O’Hare di Chicago nel 2006, uno dei più trafficati al mondo, e due oggetti “del colore della luce del sole” segnalati da un autista professionista in Inghilterra nel 2007.

Ma perché ora il misterioso tema degli UFO è riemerso con forza? In gran parte è dovuto all’impulso che ha dato un amante delle teorie del complotto: Donald Trump.

Dal tabù all’ufomania

Alla fine dell’anno scorso, l’ex presidente ha avuto il tempo di firmare un pacchetto di stanziamenti da 2,3 trilioni di dollari che includeva un ordine per il segretario alla Difesa e il direttore dell’intelligence nazionale di presentare un rapporto non classificato sugli UFO entro sei mesi.

La logica: la sicurezza nazionale potrebbe essere in pericolo se persiste così tanta segretezza.

Uno dei principali fautori dell’indagine sugli UFO è Harry Reid, ex leader democratico al Senato e appassionato della questione sin da una visita alla leggendaria Area 51, dove i risultati su presunte forme di vita extraterrestre sono tenuti dal governo federale sotto la più stretta segretezza. .

“Fino a poco tempo fa, molti piloti militari temevano ritorsioni per aver segnalato avvistamenti di fenomeni aerei non identificati”, ma porre il veto a queste discussioni “potrebbe danneggiare la nostra sicurezza nazionale e la nostra capacità di avanzare tecnologicamente”, scrive il ” The New York Times”. ”.

“Credo che ci siano informazioni scoperte dalle indagini del governo che possono essere rese pubbliche senza danneggiare la nostra sicurezza nazionale. Il popolo americano merita di saperne di più, si spera che lo si faccia presto”.

Il senatore repubblicano Marco Rubio è d’accordo con il democratico. “Non possiamo permettere che lo stigma degli UFO ci impedisca di indagare seriamente su questo. Il rapporto è un passo verso quel processo, e non sarà l’ultimo “, ha affermato di recente.

Quello che però si intuisce da quanto già filtrato è che accadrà il contrario: che il fatto di riconoscere l’esistenza di oggetti o fenomeni impossibili da identificare dagli esperti non implica necessariamente che provengano da altri pianeti o galassie o che sono pilotati (di persona o a distanza) da alieni.

Riferimenti ufo-spain.es

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.