La ricerca ha scoperto che potrebbe esserci una misteriosa Civiltà Aliena sul fondo del mare

Luci inspiegabilmente luminose o oggetti misteriosi appaiono nelle profondità dell’oceano. Sulla base di anni di ricerca, gli scienziati statunitensi hanno scoperto che potrebbero esserci civiltà aliene sul fondo del mare.

Negli ultimi 100 anni, navi mercantili e navi da guerra di vari paesi del mondo hanno incontrato cose strane in mare: strane luci brillanti o oggetti misteriosi appaiono nelle profondità dell’oceano. Ancora oggi, questi strani fenomeni lasciano perplessi molti scienziati e le civiltà aliene potrebbero effettivamente esistere.

Potrebbe esserci una civiltà sul fondo del mare

Lo scienziato statunitense Sanderson ha dedicato quasi tutta la sua vita allo studio dei “fenomeni anormali” nel mondo sottomarino e ha scritto molti articoli di grande valore accademico. 

Una volta, mentre navigava su una rompighiaccio nell’Oceano Atlantico, Sanderson assistette a uno spettacolo incredibile: un mostro grigio argento a forma di proiettile emerse improvvisamente dal mare ghiacciato, il “colpo” fracassò più di tre metri di ghiaccio e poi scomparve tra le nuvole . Sanderson ha proposto un’audace ipotesi al riguardo:

Dovrebbe esserci una civiltà sottomarina altamente sviluppata sulla terra. Questa civiltà sottomarina, parallela, potrebbe essere due volte più vecchia dell’Homo sapiens, propone, e potrebbe aver “sviluppato ciò che chiamiamo volo spaziale”.

Esistono davvero le “persone sottomarine”?

Si ritiene che le “persone sottomarine” siano un altro ramo degli esseri umani preistorici. Rudnitsky, uno studioso russo, ritiene che questa audace ipotesi abbia senso per sopravvivere sia nell ‘”oceano d’aria” che nell’ “aria dell’oceano”. Se riusciamo a registrare la durata e l’intervallo dei misteriosi lampi dell’oceano, forse i moderni computer elettronici possono decifrare i messaggi flash inviati dalle “persone sottomarine” agli esseri umani nel nostro continente.

UFO e alieni sono stati trovati sul fondo del mare?

Nel 1963, la Marina degli Stati Uniti condusse l’addestramento marittimo nelle acque al largo di Porto Rico. All’improvviso, l’operatore radar ha scoperto che un sottomarino aveva cambiato le sue coordinate di navigazione e stava inseguendo uno strano oggetto. Ciò che è incredibile è che la velocità di movimento di questo misterioso oggetto arriva fino a 150 miglia nautiche all’ora. 

Tuttavia, nessun sottomarino moderno può raggiungere una velocità così elevata finora. Questo “strano” oggetto è improvvisamente scomparso dallo schermo del radar dopo essere affondato a una profondità di 2.000 piedi, facendo credere a molte persone che fosse un “UFO” sottomarino “.

Nel 1958, il dottor Rotan della National Oceanographic Society degli Stati Uniti ha utilizzato una fotocamera subacquea per fotografare impronte simili a quelle umane (ma non umane) sul fondo dell’Oceano Atlantico a una profondità di oltre 4000 metri. Gli scienziati hanno già escluso che l’estrazione mineraria e altre operazioni commerciali siano responsabili, e gli esperti concordano anche che sono troppo grandi per essere create da noti animali che vivono nelle acque profonde.

Nel 1988, nelle paludi alla periferia di Bishopville, nella Carolina del Sud, la gente scoprì un “uomo lucertola” che era per metà umano e per metà animale. L ‘”uomo lucertola” di Scape Ore Swamp (noto anche come l’uomo lucertola di Lee County) era alto circa 2 metri, aveva un paio di grandi occhi rossi ed era coperto di scaglie verdi, ogni mano aveva solo 3 dita.

Cammina in posizione verticale, correva più veloce di un’auto e poteva camminare liberamente nella palude. Con il progresso della scienza e della tecnologia, ci sono spesso rapporti di avvistamento simili a “persone sottomarine” in tutto il mondo.

Misteriosa piramide di vetro sotto il mare?

Nell’estate del 1992, un gruppo di pescatori di alghe spagnoli vide un’enorme cupola trasparente sul fondo del mare. Nel luglio 1993, scienziati americani e britannici hanno scoperto due grandi piramidi a una profondità di circa 1.000 metri nell’Oceano Atlantico. Erano molto simili a quelli di cristallo. I lati erano lunghi circa 100 metri e alti 200 metri.

Il colonnello statunitense Henry una volta scoprì una piramide a 360 metri sott’acqua nel Triangolo delle Bermuda e l’esploratore statunitense Trona scoprì il “Bimini Underwater Building” nelle acque delle Bahamas.

A quel tempo, la gente pensava che questi edifici fossero impianti chimici utilizzati dalle “persone sottomarine” per raccogliere petrolio e gas naturale dal mare. Alcune persone credevano che si trattasse di attrezzature utilizzate dalle “persone sottomarine” per purificare e dissalare l’acqua di mare.

Alcuni hanno persino ipotizzato che si trattasse di reti elettromagnetiche utilizzate dalle “persone sottomarine” per generare elettricità.

Riferimenti soulask.com

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.