Esiste veramente un continente perduto? Scoperta un’antica città nell’Oceano Pacifico (Video)

Nel mezzo dell’Oceano Pacifico si trovano le rovine di Nan Madol, un’antica città che si può vedere dalla costa orientale dell’isola di Pohnpei, tra Honolulu e Manila, in Micronesia. È possibile che siano i resti di un continente perduto?

Le rovine di Nan Madol.

Da migliaia di anni si crede esista un continente perduto . Molti storici lo menzionano nei loro racconti e diversi ricercatori si sono assunti il ​​compito di ritrovarne i resti .

Ora, nel mezzo dell’Oceano Pacifico , sembra esserci la prova della sua esistenza.

William Ayres , dell’Università dell’Oregon, assicura che Nan Madol era la capitale della dinastia Saudeleur , che governò l’area tra il 500 e il 1500 . Attualmente si possono vedere solo i resti di grandi templi ed edifici costruiti con il basalto.

La complessità degli edifici ha sorpreso gli storici: come sono riusciti a trasportare lastre così pesanti dalla costa nord di Ponape? Questo è l’unico deposito di questa pietra.

Nan Madol: prove di un continente perduto?

La storia di queste rovine è totalmente sconosciuta . Le sue origini, i suoi abitanti, tutto è un grande mistero.

Ovviamente le teorie e le leggende sulla sua origine abbondano. Le storie locali parlano di un “mago” che è arrivato da lontano, portando le enormi lastre con cui hanno costruito gli edifici.

Altre storie parlano di grandi zattere di legno di cocco, qualcosa di totalmente impossibile a causa della geografia dell’isola.

Ci sono alcuni blocchi che superano i 14 metri di diametro , quindi non c’è una spiegazione logica su come siano stati spostati.

Un altro mistero è la forza lavoro : da dove è arrivato il capitale umano per costruire un’infrastruttura del genere? Pohnpei, il centro abitato più vicino, ancora oggi, conta non più di 35.000 abitanti .

L’estrazione di metalli preziosi a Pohnpei dalla seconda guerra mondiale, dopo l’espulsione dei giapponesi, ha portato alla luce anche leggende più moderne .

Gli operai ed i soldati hanno assicurato di essere stati testimoni di alcune leggende indigene. La più sorprendente è quella che dice che Nan Mandol è solo la “porta d’ingresso” di una colossale città sommersa .

Quindi, questa sarà l’unica parte visibile di Kanimeiso, “Nobody’s City”. Luogo in cui vivevano i re del Sole.

Possibili prove che ci sia qualcos’altro

Ci sono un gran numero di denunce presentate in cui i subacquei della zona hanno visto costruzioni colossali , strade, monoliti ricoperti da coralli e alghe.

Prova inconfutabile che Nan Madol potrebbe essere solo la punta dell’iceberg e che i resti di un continente perduto esistano forse sul fondo del Pacifico.

Volevano costruire una città vicino all’antica città degli dei ? Le leggende della magia e dei maghi parlano da sole, mentre la scienza non può spiegare la loro costruzione.

Inoltre, dobbiamo anche ricordare che questo modo di far “levitare” gli oggetti non è la prima volta che viene menzionato nelle culture antiche.

Tra i molti monumenti in Egitto, sull’Isola di Pasqua, in Tibet, Tihuanaco, lo Stonehenge, la levitazione potrebbe essere stata usata come un modo potenziale per spostare rocce colossali nella loro posizione attuale.

Inoltre, la sofisticata tecnologia necessaria per costruire tali edifici non può essere appartenuta ad una civiltà vicina al tempo di Cristo.

Sono la prova che una civiltà molto avanzata ha abitato la Terra in questo un continente perduto? Finora le indagini continuano, ma ci diranno davvero il significato di queste rovine? Cambieranno la storia tradizionale?

Riferimenti ufo-spain.com

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.