Antiche iscrizioni su un tempio egizio rivelano costellazioni sconosciute

Le iscrizioni trovate su un antico tempio egizio rivelavano costellazioni che prima erano sconosciute. Oltre alle iscrizioni, sono ancora presenti i colori originali che erano stati dipinti sul tempio di 2000 anni fa.

I ricercatori sono stati molto attenti nel rimuovere lo sporco e la fuliggine intorno al tempio (di tanto in tanto con una miscela di alcol e acqua distillata) e in quel momento hanno trovato diverse incisioni e geroglifici che “sembra che siano stati dipinti ieri”, come descritto da Christian Leitz che è professore di egittologia presso l’Università di Tubinga in Germania e leader del progetto. In un’intervista con WordsSideKick.com , ha chiarito che non avrebbero ridipinto nulla e che stavano solo rimuovendo lo sporco e la fuliggine intorno al tempio.

Per quanto riguarda le costellazioni, i ricercatori hanno trovato iscrizioni di quelle che già conosciamo, come l’Orsa Maggiore (o Mesekhtiu) e Orione (o Sah). Tuttavia, hanno trovato altre iscrizioni di quelle che erano precedentemente sconosciute, come la costellazione “Apedu n Ra” (conosciuta anche come “le oche di Ra”) in riferimento all’antico dio egizio del sole. Sfortunatamente, non c’erano immagini che accompagnavano le iscrizioni, quindi è impossibile sapere con certezza a quali stelle si riferissero.

Per quanto riguarda il tempio stesso, si trova nella città di Esna, a circa 40 miglia a sud di Luxor. Il Tempio di Esna era un tempo un santuario trasformato in un magazzino di stoccaggio del cotone nella prima parte del XIX secolo. Ma dopo molti anni di abbandono, ora è coperto di sporcizia e fuliggine con solo il vestibolo rimasto.

Questo grande edificio in arenaria misura 120 piedi di lunghezza per 65 piedi di larghezza e 50 piedi di altezza. Dispone di 24 colonne di supporto e 18 colonne autoportanti che contenevano sculture di piante splendidamente dipinte. Leitz ha stimato che ci sarebbero voluti circa 200 anni prima che gli antichi egizi completassero la sua costruzione e finissero tutte le incisioni e le decorazioni.

Il progetto di restauro è iniziato nel 2018 ed è solo di recente che sono state trovate le iscrizioni delle costellazioni precedentemente sconosciute. Leitz ha spiegato che quando il tempio è stato decorato, gli antichi egizi avrebbero disegnato prima le immagini con inchiostro nero, e poi un artigiano avrebbe creato le incisioni prima che un pittore le colorasse. È interessante notare che molte delle iscrizioni sul soffitto sono state disegnate solo con inchiostro nero e non sono mai state scolpite o addirittura dipinte.

Le immagini del tempio e alcune delle decorazioni possono essere viste qui .

Riferimenti mysteriousuniverse.org

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.