Eugene Shoemaker: l’unico essere umano seppellito sulla Luna

Eugene Shoemaker impossibilitato per una malattia ad andare nello spazio, la NASA lo onorava rendendolo l’unico uomo “sepolto” sulla Luna.

Nel luglio 1969, quando l’Apollo 11 arrivò sulla Luna e Neil Armstrong fece i suoi primi passi sul satellite, qualcuno immaginò che nei decenni successivi ci sarebbero stati insediamenti umani sul satellite.

Eugene Shoemaker

Più di mezzo secolo dopo siamo ancora lontani da un’immaginazione simile. Tuttavia, esiste già un uomo i cui resti mortali riposano per sempre tra i crateri e le sabbie lunari.

Parliamo di Eugene Shoemaker, nato a Los Angeles (Stati Uniti) nel 1928, scienziato che merita di essere conosciuto non solo per l’unicità della sua ultima dimora, ma per tutto ciò che ha contribuito alla conoscenza della vita.

In effetti, alcuni lo considerano il fondatore dell’astrogeologia perché ha dimostrato che molti incidenti geografici, sia della Terra che di altri corpi celesti, non erano antichi vulcani ma bensì il risultato dell’impatto di un meteorite.

Tutto ha avuto iniziato nel cratere Barringer, situato in Arizona. Dopo aver studiato fisica, ha dedicato la sua tesi di dottorato per dimostrare che si trattava di un cratere formatosi 50.000 anni fa.

La presenza di coesita e stishovite gli diede la chiave: un meteorite aveva causato quell’immenso buco, come alcuni avevano suggerito e nessuno era stato in grado di provare.

Da li, avrebbe poi inaugurato e iniziato a dirigere il Programma di ricerca astrogeologica del Geological Survey (USGS) degli Stati Uniti nel 1961.

La Luna era piena di crateri che dovevano essere studiati, quindi Shoemaker entrò nel programma Apollo e partecipò all’addestramento degli astronauti.

L’idea era che avrei potuto istruirli sul tipo di rocce che sarebbero state trovate quando avrebbero raggiunto il satellite.

Apparentemente, egli stesso fu inserito nella lista dei possibili candidati per diventare un astronauta, fare una passeggiata sulla Luna e raccogliere i campioni che secondo i suoi criteri come geologo sarebbero stati i più interessanti. Tuttavia, una malattia ha attraversato il suo cammino mandando in fumo tutti i suoi piani.

Gli fu diagnosticata la malattia di Addison, un raro disturbo che si verifica quando le ghiandole surrenali, situate nella parte superiore di ogni rene, non producono abbastanza ormoni.

Shoemaker ha poi addestrato il suo discepolo Harrison Schmitt, a fare il viaggio e prendere campioni geologici lunari. Divenne il dodicesimo e ultimo uomo a calpestare la luna e il primo scienziato a farlo, poiché tutti gli altri astronauti erano piloti e ingegneri.

Dall’analisi dei crateri ha continuato a studiare gli asteroidi che li hanno causati.

Dal 1969, si dedicò al California Institute of Technology e uno dei suoi più grandi successi è arrivato decenni dopo, quando nel 1993 è diventato il co-scopritore della cometa Shoemaker-Levy 9, che un anno dopo colpì il pianeta Giove.

Era la prima volta che si osservava l’impatto di una cometa su un pianeta, una collisione extraterrestre tra oggetti del Sistema Solare che non era mai stata vista direttamente.

Gli altri scopritori erano sua moglie, Carolyn Shoemaker, e l’astronomo David Levy. Eugene Shoemaker è morto in un incidente d’auto in Australia nel 1997, ma la sua storia non finisce qui.

La NASA voleva riconoscere i suoi grandi contributi alla scienza e al programma spaziale; per questo furono incluse le sue ceneri nella sonda spaziale Lunar Prospector, che fu lanciata nello spazio nel 1998.

Dopo aver raccolto dati in orbita attorno alla Luna, il 31 luglio 1999 è stato schiantato in modo controllato contro la superficie lunare. Presumibilmente, l’impatto non ha causato un grande cratere, ma ha diffuso i suoi resti.

Secondo il divulgatore Miguel Artime, le ceneri di Shoemaker erano in una piccola capsula di policarbonato con il suo nome inciso.

Inoltre, era accompagnato da un’immagine della cometa Hale-Bopp e di un altro cratere dell’Arizona con cui aveva iniziato la sua carriera.

Cosa ne pensi? Lasciaci il tuo commento qui sotto.

Resources

NASA
https://www2.jpl.nasa.gov/comet/news99.html

Fonte: Ufoalieni.it

2 Comments

  1. anonimo Novembre 12, 2020
  2. Deslok Novembre 13, 2020

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.