Progetto Avatar: riusciremo a raggiungere l’immortalità umana nel 2045?

Immortalità … Un’avventura che non manca mai di ispirare e far sognare gli esseri umani. Il Progetto Avatar, noto anche come Iniziativa 2045, è un piano elaborato dal miliardario russo Dimitry Itskov, con un chiaro obiettivo: raggiungere entro il 2045 il traguardo dell’immortalità umana.

L’iniziativa 2045 è arrivata all’attenzione pubblica nel marzo 2012, quando il miliardario russo Dimitry Itskov lo ha presentato al Global Future 2045 International Congress a Mosca. Mesi dopo, ha ricevuto di nuovo l’attenzione dei media dopo la lettera aperta indirizzata ai membri della lista di Forbes, in cui Itskov ha proposto di partecipare al progetto. La reazione di maggioranza alla conoscenza della cosiddetta iniziativa 2045 fu l’incredulità, ma anche l’interesse.

Ma cos’è esattamente il Progetto Avatar? Come prevedevamo, sarebbe stato un piano progettato per raggiungere l’immortalità umana, in una data vicina al 2045.

Avatar Project sarebbe composto da 4 fasi:

Avatar A: in questa fase del progetto, da sviluppare tra il 2015 e il 2020, cercheremmo di costruire un robot totalmente controllato dalla mente umana.

Avatar B: in questa fase, da realizzare tra il 2020 e il 2025, mireremmo a impiantare il cervello di una persona che sta per morire in un avatar robotico.

Avatar C: da sviluppare tra il 2030 e il 2035, in questa fase si tenterebbe di scaricare il contenuto di un cervello umano – anche di una persona vicina alla morte – in un supporto artificiale.

Avatar D: punto finale del viaggio, in questa fase si cercherebbe di sviluppare un’esistenza “olografica”, o in altre parole, una vita virtuale in cui la persona esistesse e sviluppasse la propria vita interamente all’interno di un sistema computerizzato, senza la necessità di un supporto fisico individualizzato.

A nostro avviso, il progetto è perfettamente fattibile, ma le scadenze non sono realistiche.  Altre domande sono ovvie. Ad esempio, se si considera che è probabile lo sviluppo di un livello di intelligenza artificiale (IA) di un essere umano adulto (e superiori) prima del necessario per il completamento delle tecnologie Avatar Project, cosa direbbero queste intelligenze artificiali a riguardo? Queste intelligenze artificiali potrebbero aiutare a sviluppare le tecnologie necessarie per raggiungere l’obiettivo dell’immortalità? Si potrebbe probabilmente, ma dovrebbe essere chiesto alle stesse IA se possono farlo.

Non si sa molto del Progetto Avatar negli ultimi mesi. All’epoca, nei media si diceva che Itskov avrebbe ingaggiato circa 30 scienziati di varie discipline per iniziare a lavorare sul progetto, ma è difficile credere che un singolo gruppo o azienda (nemmeno Google) raggiunga tali obiettivi enormi; se saranno raggiunti, sarà il progresso congiunto della scienza e della tecnologia a renderli possibili.

Certo, se un giorno verranno raggiunti tali obiettivi  speriamo che possano beneficiare tutti, e non solo gli uomini e le donne che compaiono nella lista di Forbes …

Riferimenti SegniDalCielo

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.