La misteriosa Pietra Ingá: un messaggio dallo spazio? (Video)

Sorge in mezzo alle acque del fiume brasiliano di Ingá, la misteriosa Pietra Ingá di Paraíba (Brasile) è un tesoro archeologico che ancora oggi continua a sollevare molte domande.

Nella maggior parte dei suoi 45 metri di lunghezza e 4 metri di altezza ci sono strani simboli geometrici non identificati, di varie forme e dimensione, e che apparentemente erano incisi sul suo strato esterno di gneiss.

Sebbene molti esperti abbiano speculato sulle origini e sul significato di questi simboli, finora non è stato possibile dimostrare al 100% che nessuna di queste teorie sia un dato di fatto.

È un messaggio dei nostri antenati per le generazioni future? C’era una civiltà sconosciuta oggi che possedeva un’antica tecnologia dimenticata millenni fa? Cosa significano veramente questi simboli, chi li ha incisi sulla parete rocciosa e perché?

Risalente ad almeno 6.000 anni fa, la Pietra Ingá è una meraviglia archeologica su scala mondiale. Ci sono altre pietre, oltre alle grotte, intorno alla Piedra de Ingá, ed anche essee hanno incisioni sulla loro superficie.

Tuttavia, non raggiungono lo stesso livello di complessità nella loro elaborazione e stile come la Piedra de Ingá. L’archeologo e ricercatore Gabriele Baraldi si è imbattuto per la prima volta in una di queste grotte nell’area di Ingá nel 1988: dopo questo ritrovamento ne sono state ritrovate diverse altre.

 La maggior parte delle incisioni di Ingá hanno un significato oscuro, sebbene alcune di esse rappresentino senza dubbio elementi celesti, due, ad esempio, sono praticamente identiche alla Via Lattea e alla costellazione di Orione.

Altri petroglifi sono stati interpretati come animali, frutti, armi, figure umane, aeroplani o uccelli antichi (o immaginari), e persino un primitivo “indice” delle varie storie diviso in sezioni con ciascuno dei simboli collegati al numero corrispondente delle sue capitolo.

Padre Ignatius Rolim, professore di greco, latino e teologia, ha affermato che i simboli sulla Pietra Ingá sono simili a quelli delle antiche incisioni fenicie. In effetti Rolim è stato uno dei primi a proporre questa teoria.

Altri ricercatori hanno osservato che i simboli potrebbero essere correlati ad antiche rune, confermando ulteriormente le loro somiglianze in complessità e disposizione lineare con un possibile breve passaggio di scritture religiose.

Un altro ricercatore di origine austriaca, Ludwig Schwennhagen, ha studiato la storia del Brasile all’inizio del XX secolo, scoprendo importanti connessioni tra l’aspetto dei simboli Ingá, non solo con la scrittura fenicia, ma anche con il demotico (più comunemente legato a documenti scritti, sia letterari che economici) dell’antico Egitto.

Altri ricercatori hanno trovato una sorprendente somiglianza tra le incisioni di Ingá e l’arte aborigena trovate sull’isola di Pasqua.

Alcuni storici antichi si sono imbarcati nel compito di studiare più da vicino ciascuno dei simboli, come l’autore e ricercatore Roberto Salgado de Carvalho.

Secondo questo esperto, i cerchi concentrici che appaiono incisi sulla Pietra Ingá potrebbero avere una relazione con simboli fallici, mentre le forme a spirale potrebbero significare “viaggi o spostamenti transcosmologici”, probabilmente dovuti a trance sciamaniche.

Oppure stati di coscienza alterati o addirittura l’ingestione di allucinogeni, mentre forme simili alla lettera “U” potrebbero simboleggiare un utero / vagina, rinascita o un ingresso / porta, sempre secondo Salgado de Carvalho.

La serie di simboli, in questo senso, può quindi indicare un’antica formula incisa sulla Pietra Ingá, forse utilizzata per accedere a una “porta al mondo soprannaturale”, dalle parole dello stesso Salgado de Carvalho.

Altri ricercatori hanno sollevato la possibilità che queste antiche incisioni fossero un monito alle civiltà future della vicinanza (o forse del recente superamento) di un disastro globale, attraverso il quale le persone del tempo avrebbero conservato brevemente la loro tecnologia proveniente da una civiltà precedente.

D’altra parte, l’eventuale presenza di più di una lingua incisa sulla pietra ci porta a proporre un insieme di possibilità completamente nuovo.

Poiché non ci sono prove storiche che colleghino la rappresentazione di stelle e costellazioni con i nativi brasiliani di questo tempo, è possibile che gli artisti che hanno creato le incisioni facessero parte di una civiltà nomade o di un gruppo umano che stava temporaneamente visitando la regione. .

Alcuni insistono sul fatto che i soliti strumenti litici per fare incisioni all’epoca sarebbero stati sufficienti per quelle antiche culture indiane per creare questi petroglifi con notevole sforzo e abilità. Un’altra teoria, proposta da Baraldi, sostiene che un’antica civiltà abbia fatto uso di processi di energia geotermica per creare questi simboli utilizzando i modelli di lava e i condotti dei vulcani dormienti.

È stata presa in considerazione anche una popolare teoria del contatto extraterrestre, poiché i simboli di Ingá sono così diversi da quelli trovati finora nell’area. Alcuni ricercatori, come Claudio Quintans, del Paraibano Center for Ufology, parla della possibilità che un’astronave fosse atterrata nell’area di Ingá in tempi antichi e che i simboli fossero stati tracciati dagli stessi visitatori extraterrestri sulle pareti rocciose.

Ce ne sono altri ancora, come Gilvan de Brito, autore di “Journey to the Unknown”, che ipotizzano la teoria che equipara i simboli della Pietra Ingá con antiche formule matematiche o equazioni che spiegherebbero l’energia quantistica o la distanza percorsa in viaggi tra differenti corpi celesti, come la Terra e la Luna.

In ogni caso, indipendentemente dalla teoria che ci sembra più convincente, non ci sono dubbi sul significato di questa scoperta.

Le incisioni della Pietra Ingá avrebbero un significato davvero speciale per qualcuno, ed espresse in modo meticoloso. Ma ancora più importante: di cosa si trattava? E fino a che punto è rilevante per noi oggi?

Man mano che avanziamo nella tecnologia e nella consapevolezza delle nostre civiltà, possiamo continuare a sperare che un giorno acquisiremo una migliore comprensione di questi simboli e faremo luce su questo e altri antichi misteri.

Riferimenti UFO-Spain

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.