La civiltà olmeca e i suoi misteriosi “dei rettiliani” (Video)

Gli Olmechi furono la prima civiltà conosciuta in Messico, ed hanno formato la la prima cultura mesoamericana.

 

La verità è che non si sa come si chiamassero, ma i Nahuas, o messicani, li chiamavano Olmecs o “abitanti del paese di gomma”.

Hanno raggiunto un grande sviluppo culturale, costruendo grandi città e acquisendo grandi conoscenze tecnologiche e matematiche, come l’invenzione del numero 0.

Cosa sconosciuta in Occidente fino al 1202.

Le loro grandi scoperte influenzarono profondamente le successive civiltà che popolarono la regione. Il loro sviluppo iniziò intorno al 1.200 a.C. e il suo declino avvenne intorno al 400 aC. Si diffusero attraverso quello che oggi conosciamo come lo stato di Veracruz e Tabasco.

La loro cultura si diffuse enormemente dal punto di vista commerciale, influenzando persino il Costa Rica, lasciando tracce, ad esempio delle sue sculture e dei vari oggetti.

Ciò significa che non solo commerciavano, ma che la loro influenza era intellettuale, ed è penetrata notevolmente nelle civiltà vicine.

La vecchia città di La Venta è un chiaro esempio del loro stile architettonico e artistico, con grandi piazze e basi a piramide sfalsate.

Fu la prima città in Mesoamerica ee era orientata in direzione nord-sud, il che dimostra che per costruirla c’era un assetto urbano pianificato.

Questo ci dà un’idea di come è era avanzata questa civiltà estinta.

Gli dei Olmec

La loro religione era politeista, adorava divinità diverse normalmente legate a elementi della natura o di animali, ma la loro avanzata disciplina scultorea ci fornisce alcuni indizi sull’aspetto rettiliano che conferivano alle loro rappresentazioni.

Troviamo anche la famosa ” borsa ” detenuta dagli dei rettiliani rappresentati da tutto il mondo, specialmente in Egitto, qualcosa di strano per la comunità scientifica, a causa della sua coincidenza tra tutte le civiltà,  perché non sanno come spiegare cos’è quella specie di manufatto trovato in varie parti del mondo…

Ma troviamo un dio specifico che può darci molti indizi sul fatto che qualcosa di strano fece improvvisamente crescere la civiltà olmeca in Mesoamerica facendola divenire molto prospera.

Stiamo parlando del drago Olmec, rappresentato con una testa di rettile alata, che può darci un indizio sulle ultime ricerche scientifiche e su come si è stabilizzata questa civiltà.

La somiglianza degli dei Olmec, insieme alla rappresentazione delle grandi teste del Golfo del Messico, sono tremendamente simili alle antiche civiltà asiatiche.

 

 

Si ritiene che varie civiltà asiatiche siano emigrate in Sud America e Mesoamerica, stabilendosi in queste terre fertili e sviluppando una nuova civiltà.

La domanda è come sono arrivati ​​lì? … Qualcuno pens che siano arrivati navigando, costruendo ovunque passassero, ma ciò avrebbe richiesto troppo tempo …

In varie incisioni olmeche, e in seguito in quelle Maya, è raffigurato uno strano artefatto volante e degli esseri con un aspetto rettiliano che li aiuta nel loro viaggio.

Sculture come questa mostrano evidenti tratti non umani.

Tuttavia, entrambi i copricapi attribuiti agli dei o ai sommi sacerdoti sono tremendamente simili a quelli delle civiltà asiatiche che abbiamo nominato.

Si può parlare di un’autentica migrazione di massa, è l’unica cosa che spiegherebbe l’emergere e la prosperità della civiltà olmeca.

Non dovevano imparare nulla, l’avevano già appreso, infatti, questi popoli asiatici erano grandi mercanti, il che spiegherebbe la loro rapida espansione in questo senso in tutto il continente americano.

L’aspetto di questi dei dall’aspetto rettiliano sono rappresentati come una specie di divinità che li ha aiutati a prosperare e apportare quei grandi cambiamenti così importanti per loro.

In effetti, sculture molto simili possono essere viste in Asia come in Mesoamerica, in seguito ereditate dalla civiltà Maya.

Ma questo non è accaduto solo nella civiltà olmeca, questo fatto si ripete in tutto il mondo, rappresentando questi esseri, proprio come creatori e donatori di vita e conoscenza, essendo trascendentali nei grandi cambiamenti che l’umanità ha subito.

La connessione tra le civiltà di oltre 4.000 anni del sud-est asiatico e la civiltà olmeca è palpabile, e come potremmo spiegarlo senza un comune denominatore?

Queste antiche civiltà asiatiche di cui abbiamo parlato rappresentavano già un dio drago alato, tremendamente simile all’Olmec, e l’apparizione in diverse incisioni di artefatti volanti si ripete allo stesso modo.

Questa zona del sud-est asiatico ha subito tsunami, terremoti e catastrofi naturali, così molte delle sue città, tra l’altro, con rappresentazioni piramidali molto simili agli olmechi, finirono sul fondo del mare.

È possibile che non si trattasse di una migrazione volontaria, ma che siano stati evacuati per la loro sopravvivenza?

Riferimenti UFO-Spain

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.