L’enigmatico sottomarino con cui i “nazisti viaggiavano nel tempo”

La fiction su Twitter va ben oltre ciò che potremmo immaginare. Questo resoconto di come i nazisti viaggiarono nel tempo potrebbe far rizzare i capelli allo stesso Indiana Jones.

Questo brutto e affascinante pesce è una rana pescatrice. È noto come AF-67 ed è una delle scoperte più devastanti degli ultimi secoli.

La rana pescatrice o AF-67, faceva parte del “Progetto Haliade” presso la Pleanville University. Hanno selezionato 77 pesci abissali e li hanno dotati di microcamere e dispositivi di localizzazione, per esplorare attraverso di loro il mare profondo.

Una volta installate le microcamere e i segnali di localizzazione, l’AF-67 fu rilasciato nell’Oceano Indiano, con la speranza che avrebbe deciso di immergersi nella fossa abissale di Lamu-Rhino.

È una tomba con una profondità di circa 10.500 metri. AF-67 si è immerso fino in fondo.

La rana pescatrice era uno dei pesci scelti per questo progetto perché ha una sua sorgente luminosa.

Questo è importante per ottenere immagini a 10.500 metri di profondità, dove la luce solare non arriva e dove le cose non emettono calore.

La rana pescatrice ha ottenuto dozzine di immagini interessanti, ma non particolarmente rilevanti. Principalmente video di altre creature che vivono in acque profonde che erano già nel catalogo dei biologi marini.

Ma tra così tante informazioni irrilevanti, AF-67 ha fatto una scoperta inaspettata. Inizialmente lo hanno scambiato per il cadavere di un capodoglio.

Dopo aver analizzato attentamente alcune delle cornici, si sono resi conto che invece si trattava di un manufatto creato dall’uomo. Probabilmente un sottomarino affondato.

Ipotesi confermate vedendo una svastica nel casco a pressione … E un numero di serie. Questa “registrazione” ha permesso di identificare il dispositivo: EL U-515.

Un sottomarino nazista che ha causato molti mal di testa ai servizi di intelligence americani e di cui si è parlato molto nel mondo delle cospirazioni. Perché?

Perché quel sottomarino scomparve mentre trasportava “La campana di Wöhlenbach” un aggeggio sviluppato dagli scienziati nazisti alla fine della seconda guerra mondiale, progettato per viaggiare nel tempo.

I più scettici presumevano che i nazisti non fossero mai riusciti a far funzionare La Campana. I più audaci hanno invece fantasticato sulla possibilità che la scomparsa dell’U-515 evidenziasse esattamente il contrario:

Il sottomarino svanì senza lasciare traccia perché viaggiava nel tempo?

Le menti più calde sostengono addirittura che Hitler stesso era a bordo dell’U-515 e fuggì in un’altra occasione attivando “La campana” del sottomarino.

Come potete immaginare, la scoperta di questo sottomarino da parte della rana pescatrice AF-67 ha riaperto il dibattito tra coloro che scommettevano sulla teoria del viaggio nel tempo. Però…

La rana pescatrice AF-67 una volta recuperata, è stata sezionata per un’autopsia, ed è stato scoperto che presentava sintomi nello stomaco e nelle cellule che appaiono solo quando si è esposti a isotopi radioattivi.

Il tipo di radiazione che, secondo i fisici dell’Università di Pleanville, potrebbe rilasciare (sempre “in teoria”) un dispositivo destinato a modificare i parametri spazio-temporali.

Usando questi dati, fu presa in considerazione un’ipotesi piuttosto suggestiva: cosa sarebbe accaduto se l’equipaggio del sottomarino, una volta bloccato sul fondo della fossa profonda, nel disperato tentativo di scappare, avesse deciso di attivare “La Campana”?

E se “La Campana” facesse veramente viaggiare nel tempo?

Per confermare o negare questa follia, i ricercatori di Pleanville hanno studiato a fondo gli scritti di uno degli scienziati più criptici e portentosi del nostro secolo, Ilja Mladenek: ingegnere serbo, discepolo di Nikola Tesla.

Ha lavorato alla progettazione di tecnologie avanzate per i nazisti fino a quando fu salvato dal governo degli Stati Uniti nel contesto dell’operazione Graffetta per poi beneficiare della sua conoscenza.

Mladenek era uno degli architetti della campana di Wöhlenbach.

Secondo i suoi quaderni di ricerca, l’artefatto è stato in grado di muoversi attraverso la quarta dimensione, permettendo a qualsiasi oggetto entro 8 metri dal suo epicentro di viaggiare nel tempo.

Ma secondo le note di Mladenek, quella tecnologia aveva dei limiti. “La Campana era solo in grado di viaggiare indietro nel tempo.”

Nelle note dell’ingegnere serbo c’era segnato l’anno esatto in cui Hitler intendeva tornare con La Campana: 12.103 a.C.

Questo, inizialmente, indusse gli investigatori di Pleanville a scartare l’idea che l’U-515 avesse viaggiato nel tempo.

Perché? Perché in quel caso il sottomarino, affondando nella tomba abissale, ci sarebbe atterrato sopra alla “Campana” perchè la stessa sarebbe stata già li da millenni.

E le immagini della rana pescatrice non mostravano oggetti diversi dall’U-515.

Fu Margaret Canker, professore di astrofisica alla Pleanville University, a rendersi conto che stavano facendo un piccolo errore.

Nei loro calcoli non hanno tenuto conto della rotazione terrestre. “La Campana” viaggia nel tempo, ma non nello spazio.

Mentre si muove attraverso gli anni e i secoli, il pianeta ruota alla latitudine corrispondente alla fossa Lanu-Rhino, a più di 1.000 chilometri all’ora.

Questa velocità di rotazione è aumentata negli ultimi secoli a causa della sovrappopolazione. Abbiamo aumentato significativamente la massa del pianeta, e questo implica che non ruotiamo più lentamente come pochi millenni fa.

A peggiorare le cose, anche l’angolo dell’asse di rotazione terrestre è cambiato. In altre parole:

Un oggetto che risale al 12.103 a.C. non apparirebbe nello stesso punto geografico in cui iniziò il suo viaggio.

Canker ha effettuato i calcoli tenendo conto dei cambiamenti nell’asse e della velocità di rotazione negli ultimi 14.021 anni e ha concluso che “La Campana”, se fosse regredita verso la data per la quale era programmata, sarebbe arrivata in un area dell’Himalaya, alta quasi 5.000 metri, all’interno di quello che oggi conosciamo come il Tibet.

La Pleanville University ha inviato una spedizione in quella zona del Tibet. Hanno trovato La Campana lì? Ovviamente no.

Ma hanno trovato dei resti metallici che potrebbero appartenergli e ancora più importante: isotopi radioattivi identici a quelli trovati nella rana pescatrice AF-67.

La Campana quindi era arrivata a destinazione? Qualcuno l’ha trovata in quelle terre più di 14000 anni fa?

Ciò spiegherebbe i riferimenti nelle scritture sanscrite ad alcuni “gadget” di cui abbiamo già parlato qui in altre occasioni: I Vimana.

Le menzioni sui vimana nella mitologia indù confondono gli scienziati di oggi.

In alcuni testi religiosi vengono citati “carri di fuoco”, creature volanti, ecc. Ma il caso delle vimana è diverso. Gli antichi li descrivevano come macchine.

Una missione nazista in Tibet, guidata dal Dr. Ernest Schäfer, partì alla ricerca delle origini della razza ariana e finì (forse) per trovare i resti di un vimana, o la tecnologia che li rese possibili.

Si dice che grazie a queste scoperte, gli scienziati del Terzo Reich siano stati in grado di costruire La Campana e altri prototipi bellici che sembravano dischi volanti.

Hanno usato la tecnologia della “Campana” nel passato remoto, per sviluppare quelle “navi volanti” che finirono per trascendere sotto il nome di “vimana”?

In questo caso, coloro che si definivano “ariani” ricorsero alla saggezza del passato per viaggiare verso quel passato, iniziando il mito della “razza ariana” e lasciando lì in quel posto le istruzioni che li avrebbero aiutati in futuro a costruire lo strumento necessario per poter chiudere il cerchio.

Questa possibilità solleva due domande:

Hitler affondò di proposito quel sottomarino in quel punto nell’Oceano Indiano? Che cosa hanno fatto gli Stati Uniti con tutta quella tecnologia da quando se ne  appropriata alla fine della seconda guerra mondiale?

Speriamo che questa storia di fantasia ti sia piaciuta, perché non è altro che una storia creata da Juanjo Ramírez , che è uno dei grandi maestri della tweet fiction.

Proprio una delle sue specialità è aggrapparsi a elementi reali per costruire su di essi uno spettacolare universo di fantascienza. E non c’è nulla che abbia ispirato tante storie di fantascienza come la presunta tecnologia nazista.

Cosa potrebbe esserci di più interessante di una simile cospirazione?

Riferimenti UFO-Spain

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.