Virus o manipolazione globale?

Possibile che una zuppa di pipistrello abbia infettato tutto il pianeta in tempi record?
Il virus è davvero in circolo da 2/3 mesi oppure era già in azione prima?
Soprattutto poi, quanto fa comodo il distanziamento sociale?
Se ad esempio chi avesse mangiato il famoso pipistrello, fosse stata una turista che viaggiava su di un Boeing da 400 persone e avesse fatto scalo in almeno tre paesi esteri allora avrebbe potuto contagiare  tutto l’equipaggio, poi ad ogni scalo incontrando almeno tre o più persone, che a loro volta avrebbero poi passato il virus ad altre 3 persone, quindi ad ogni scalo ci sarebbero 9 persone contagiate ogni membro dell’equipaggio, per un risultato di 9 persone x 3 scali per 400 che fanno10800 persone  . Ma il paziente zero non ha fatto nulla del genere, quindi come ha potuto scatenarsi una pandemia simile?
Forse la teoria più plausibile è che in qualche modo volessero fare scatenare una epidemia in Cina per il pericolo commerciale che stava creando (nuovi software che avrebbero dato filo da torcere alla Apple, il mondo dell’alta moda a prezzi bassissimi ecc.) Ma chi ha pensato di fare questo, non ha certo pensato alle conseguenze, come il fatto che ci siano viaggi continui da e per la Cina più volte al giorno, e che essendo appunto un’epidemia di un virus di tipo aereo non si sarebbe potuto arginare, e infatti si è perduto il controllo della sua espansione.
Visto che ormai è in giro per il mondo perché non approfittarne?
Lo smart working che in parecchi paesi non sapevano neppure cosa fosse e nemmeno erano attrezzati, diventa dunque indispensabile e quindi si da il via ad una nuova necessità: la tecnologia come computer, telefoni e tablet e soprattutto il famigerato 5g mai sperimentato prima, e i suoi effetti sulla salute; periodo perfetto per la sperimentazione sul campo, da quí alla realizzazione di un 6/7/8g ecc. Al fine di avere una linea sempre più veloce per affrontare una nuova necessità.
Il distanziamento sociale fa comodo perché non solo le persone non potendo avvicinarsi tra loro, non possono  raggrupparsi per dimostrare contro qualcosa (scendere in piazza ad esempio), ma poi diventa un sistema per ereggere un muro di Berlino tra persona e persona che diventerebbero quindi sempre più distanti non solo fisicamente ma anche mentalmente, riempiendo i buchi della giornata o della vita con la denuncia di questa o di quella violazione di un protocollo di sicurezza, dando alle gente non solo la convinzione di essere utili alla società, ma addirittura di alimentare il proprio ego.
La pubblicità poi verrà indirizzata sul piacere di condividere a distanza per fare un lavaggio del cervello e convincere che sarebbe stato meglio se fosse stato sempre così.
In tutta la storia dell’umanità il gruppo, l’unione, un ideale comune, ha fatto la forza e non l’esatto contrario.
Tanti corpuscoli divisi, si guidano meglio e gli si fa credere quel che si vuole, perché non c’è una condivisione reale e fisica delle proprie idee, ma solo manipolazione delle informazioni.
L’uomo primitivo sì è evoluto passando da un campo aperto scoperto in cui risiedeva, al chiudersi nelle grotte insieme al suo clan di suoi simili, al fine di proteggersi, scambiarsi il cibo, idee, ed evolvere nello scambio delle conoscenze anche in maniera empirica.
Dunque il distanziamento sociale è l’esatto contrario dell’evoluzione, ma semmai un sistema di coercizione mentale e fisico a livello mondiale che non avrà una fine breve.
Anche se il virus non avesse più potere da domani, nessuno lo saprebbe perché farebbe comodo che la situazione duri il più possibile, cosicché diventi tutto un’abitudine e d’altra parte, chi mai farebbe una prova per vedere se non è così?
Se ti ammali allora ci perdi solo tu e se non succede niente allora sei immune e dunque non dimostri nulla.
Un’equazione senza risultato.
E le persone che decedono poveretti saranno sempre morti a causa del covid 19, perché così non ci saranno indagini, funerali, niente di niente.
Poi c’è anche il lato ambientalista che da tutta questa quarantena ne trarranno chissà quale aspetto benefico, a causa della decrescita dell’inquinamento urbano, dell’impatto sulla natura (salvo tagliare alberi a gogò per il 5g) e quindi l’uomo è meglio che rimanga in casa e che non smuova così farà meno danni.
Tutto il mondo dovrà cambiare rispetto a tutte le regole sul virus e non dovrà tornare ad essere quello di prima per tanto tempo.
Dividi et impera!
È sempre stato questo il motto di chi voleva conquistare un territorio o una civiltà.
Il maggior uso delle carte elettroniche per ordinare a domicilio, l’inoculazione di nuovi vaccini miracolosi che nasconderanno microchip o la diretta microchirurgia per innestare microchip individuali permetteranno, con la scusa di essere più al sicuro, di essere sempre più sotto controllo invece.
Una matrix o un 1984 se preferite sempre più imperante e controllore che direzionerá le nostre vite.
Questo periodo è stato un esperimento per vedere se la gente può sopportare un’autoesclusione sociale se c’è una buona scusa.
Se la gente non esplode allora vuol dire che è abbastanza intontita da non accorgersi di ciò che succede, e la rana poco a poco alzando la fiamma, si cuocerà senza accorgersene.
Un’altra curiosità: i 30.000 soldati che dovevano venire in Italia per un’esercitazione su come difendersi da un attacco nemico (russi, cinesi, koreani) di tipo batteriologico, dove la mettiamo?
Pensa che strana coincidenza: un’esercitazione pensata un anno prima che una pandemia esploda, che riguarda proprio  un possibile attacco batteriologico.
Una coincidenza?
Io non ci credo!
Come direbbe un noto fasullo detentore di segreti governativi.
Malgrado tutto non c’è forse verso di cambiare le cose, perché se adesso il virus esiste e fa vittime tra un anno o due o tre, qualcuno sarebbe così coraggioso da formare un gruppo che sfidi il contagio e si esponga alla morte per dimostrare che esiste una coscienza governativa superiore che comanda le nostre vite?
Nessuno è così folle.
D’altra parte poi nei film le persone si alzano per dire NO, ma questa è la realtà e non una finzione cinematografica.
Paratie di plexiglass, tunnel disinfettanti e mascherine che diverranno non solo sempre più comuni, ma presto subiranno un upgrade per adattarsi alla moda,  Miss Mascherina contro Miss Guanto in nitrile, sempre più colorati e fashion.
Che dire poi delle persone che sono morte o moriranno?
Faranno comodo per risparmiare i soldi della previdenza sociale, e i giovanissimi sempre più inesperti non avranno modo di confrontarsi con chi ne sa di più e accetteranno queste nuove situazioni come se niente fosse.
Le partite sportive si giocheranno a porte chiuse o a prezzi folli per qualche miliardario, mentre per tutti gli altri che già pagavano per lo stadio, avranno a pagamento salato, il loro posto riservato nelle tribune con la telecamera collegata all’app del telefono che si muoverà dandoti l’impressione di essere sul luogo di persona. Ogni tanto daranno una scossetta alle menti ottenebrate creando nuove psicosi e nuovi must a cui non bisogna mancare.
Ci si prospetta forse un futuro che nemmeno Orwell o Philip Dick avevano immaginato?

di Maurizio Ganzaroli per Hackthematrix

©Riproduzione Riservata

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.