Le “Tavole del destino degli Anunnaki” rubate: La fonte del loro potere (Video)

Nella mitologia sumera, le “Tavole del destino” erano una biblioteca di computer costituita da una serie di chip che conteneva tutte le informazioni sulle tattiche di guerra.

Includevano anche mappe stellari, rotte di navigazione ed erano anche la chiave per attivare o neutralizzare tutti i veicoli spaziali Anunnaki.

Quando questi “esseri dal cielo” arrivarono sul nostro pianeta, inizialmente furono costruite sette città principali, che sarebbero stati i punti strategici del piano di Enlil per portare a termine la sua missione sulla Terra.

Queste città erano situate nell’attuale Iraq, tra il Tigri e l’Eufrate. Nella regione attualmente conosciuta come Mesopotamia. Quindi, gli Anunnaki chiamarono la regione di Edin. Che nelle culture successive il nome deriva dall’Eden.

Una di queste città sarebbe Nippur “la terra di Nibiru”. Era il centro di controllo della missione ed era guidato da Enlil, il comandante supremo della missione.

In questa città c’era anche il centro di trasmissione con il suo pianeta natale, Nibiru, e con le navette spaziali che orbitavano attorno alla Terra, gli Igigi.

Era una camera luminosa chiamata Dir.Ga “il sacro entrava in quelli sacri” situato sulla cima di una torre con diverse antenne chiamate Dur.Aki “il collegamento cielo-terra”.

A Nippur, le “tavole del destino” nascoste in Dir.Ga. Queste compresse erano circa 60 unità ed erano una sorta di microchip che contenevano una fonte vitale di informazioni per gli Anunnaki.

Queste tabelle erano la chiave per attivare armi distruttive, controllare veicoli spaziali o dirigere qualsiasi dispositivo tecnologico Anunnaki, oltre ad essere un deposito di conoscenze in leggi, decreti per governare, tecnologia, medicina, tecniche militari, metodi di difesa, metodi per sottomettersi popolazione e molte altre chiavi riservate all’élite di Anunnaki.

Nei testi sumerici c’è una storia chiamata “Mito di Zu”. Un Anunnaki considerato come un demone da un clan diverso dal resto. Le origini di questo essere noto come Pazuzu non sono molto chiare.

Pazuzu o ZU significa “Uno che conosce” ed era anche conosciuto come Anzu “Uno che conosce i cieli”. Era il dio del vento e delle tempeste malvagie. Colui che era portatore di piaghe, piaghe e febbri.

I Sumeri rappresentavano questo essere con un corpo stilizzato con artigli di uccelli sui piedi, ali d’aquila e una testa simile a un leone, sebbene alcune caratteristiche fisiche potessero essere rettiliane.

Gli Igigi chiamarono Pazuzu il loro emissario e portatore delle loro richieste davanti a Enlil e lo mandarono a Nippur. Enlil era consapevole del disagio degli Igigi per i loro lunghi soggiorni nello spazio e sospettava una rivolta da parte loro.

Qui nacque il Mito dei Titani, i Grandi Astronauti, gli Angeli Caduti, che in seguito furono demoni. Enlil, consigliato da suo fratello Enki, prese Pazuzu come servitore in Dir.Ga, il più sacro del santuario di Nippur, per placare gli Igigi.

Ma Enlil è stato tradito. Non appena poté, Pazuzu rubò le Tavole del Destino “Io” per sostituire Enlil dal suo regno:

“Prenderò la Tavola celeste del destino. Governerò i decreti degli dei. Stabilirò il mio trono. Sarò il maestro dei decreti celesti. Dirò l’Igigi nello spazio. “

La paura si impadronì della missione e della popolazione Anunnaki sulla Terra. Nelle “tavole del destino” c’erano le rotte stellari in cui non venivano tracciate solo le orbite dei pianeti, ma anche le coordinate di navigazione dei traghetti Igigi e le rotte delle loro astronavi.

“Le formule divine sono state sospese. La luminosità illuminata si estinse. Il silenzio prevalse. Nello spazio, gli Igigi rimasero sbalorditi. Avevano preso la luminosità del santuario. “

Chiunque possedesse le tavole del destino avrebbe governato i cieli, le rotte delle spedizioni a Nibiru. Vorrei quindi governare gli Igigi. In questo modo avrebbe governato le spedizioni di oro. Cioè, governerebbe la Missione. E Pazuzu sarebbe risorto come il nuovo re sulla Terra. Questo era il suo piano.

Pazuzu divenne un demone mitologico che propagava piaghe all’altezza delle grandi creature della notte come “Lilith” una dea demoniaca.

Tuttavia, in contraddizione con quanto ci si potrebbe aspettare, i Sumeri usarono la figura di Pazuzu come un amuleto contro la stregoneria e come un talismano protettivo contro i demoni che di notte portavano i bambini dalle loro culle per bere il loro sangue.

La storia continuerà in più edizioni, se sei appassionato della mitologia sumera, non esitare a iscriverti al nostro sito web. Cosa ne pensi di queste tabelle del destino? Lasciaci il tuo commento qui sotto.

Riferimenti UFO-Spain

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.