Hack The Matrix
Switch On The Brain

Strani casi reali di persone intrappolate nel tempo

Senza dubbio, occupa un posto di rilievo nella fantascienza. Stiamo parlando di “cicli di tempo”, in cui una o più persone sono intrappolate in un ciclo di eventi ripetitivi , riproducendo la stessa sequenza di eventi più e più volte. Il fenomeno è stato perfettamente rappresentato nel film del 1993 “Trapped in Time (Groundhog Day)”, in cui il protagonista interpretato da Bill Murray rivive lo stesso giorno ancora e ancora.

Ma il ciclo del tempo è apparso in altri film e storie. Tuttavia, cosa succede se questo fenomeno temporaneo non si limita solo al grande schermo, ai libri o alle riviste? È possibile che qualcuno possa rimanere intrappolato in un ciclo di tempo reale?

Secondo alcuni casi ben documentati, non è solo possibile, ma è già accaduto, il che apre possibili domande sul tempo e sulla nostra realtà che non abbiamo ancora capito.

Ci sono alcuni casi di persone che apparentemente sperimentano una sorta di ciclo temporale o di distorsione temporale, e la cosa peggiore è che la scienza non ha spiegazioni. Di solito, coinvolgono semplicemente il testimone che sperimenta una sensazione molto intensa e ripetuta di ciò che sembra essere un deja vu , rivivendo alcune sezioni di tempo che possono variare da pochi minuti a ore.

Sembra proprio che il tempo si sia fermato, o che il mondo intorno a loro abbia rallentato o addirittura si sia fermato. A volte possono anche esserci altri fenomeni associati a questi rapporti, come un senso di perdita di tempo o problemi fisici, e in ogni caso lascia il testimone disorientato, confuso e in discussione la propria realtà.

Uno dei casi più sconcertanti si è verificato nel 2015, quando uno studente britannico è diventato il protagonista involontario di  “Time Trapped” . Tutto nella sua vita, come programmi televisivi, libri o gente di strada, era come se li avesse già visti prima. Il suo sentimento di deja vu raggiunse un punto tale che fu costretto a lasciare l’università . I referti medici non hanno rivelato l’identità del giovane britannico di 23 anni, ma hanno spiegato che la sua inquietante esperienza non gli ha permesso di svolgere le attività quotidiane più elementari.

Apparentemente, il giovane ha iniziato le sue esperienze nel 2007 dopo aver iniziato il college. All’inizio questi episodi sono durati pochi minuti, ma a poco a poco hanno incominciato a durare più a lungo. Ma le sue condizioni peggioravano quando era in vacanza in un posto che non aveva mai visitato prima, era come se riconoscesse ogni luogo e ogni persona. Da quel momento il giovane decise di cercare aiuto medico. Gli scienziati hanno iniziato a studiare il loro caso nel 2008 e nel 2010 è stata eseguita una nuova valutazione del loro status . All’età di 20 anni le sue condizioni peggiorarono e gli scienziati e i rinomati medici che lo curarono non furono in grado di trovare l’origine della sua condizione enigmatica.

Un altro caso davvero strano è stato raccontato da un testimone che ha detto che tutto è iniziato durante una passeggiata con sua moglie in un luogo indeterminato negli Stati Uniti . La persona, che volle rimanere anonima, descrisse il suo percorso attraverso un grande parco che si estendeva attraverso una fila di case olandesi di pietra rossastra. Fu lungo questa fila di case alla periferia di questo parco che sua moglie sentì qualcosa di strano.

Ad un certo punto, la donna si gira verso di lui e gli dice che tutto era come se “ricominciasse” . La prima cosa che l’uomo pensò fu che si riferisse al fatto che tutte le case erano molto simili, tuttavia, fino a quando ad un certo punto si rese conto che non stavano arrivando da nessuna parte.

Hanno anche ripetuto gli stessi posti più e più volte: la spazzatura ammucchiata attorno a un albero, un cono di traffico arancione accanto a scale bianche e marroni, un veicolo bianco parcheggiato sul lato destro. La prima cosa che pensarono fu che si trattava di un’illusione visiva creata dalla somiglianza degli edifici. Ma si resero conto che stava accadendo qualcosa di strano quando entrambi iniziarono a provare un esperimento per vedere cosa sarebbe successo se avessero smesso di camminare.

Ciò ha causato solo un certo disorientamento e la sensazione di non poter controllare le gambe, nonché la sensazione che il tempo si fosse fermato e anche tutto ciò che li circondava. Erano al rallentatore, come se fossero sott’acqua. Hanno continuato a camminare e solo dopo mezz’ora tutto è tornato alla normalità e hanno lasciato il ciclo temporale. L’intero episodio è stato surreale.

Questi sono solo due casi che sono stati studiati, ma ce ne sono molti altri. Ci sono molte teorie per spiegare le esperienze di queste persone, ma ci sono molti che credono che sia un vero déjà vu . Il termine déjà vu è francese ed è tradotto come “già visto”. E sebbene sia stato studiato dalla scienza, è legato alle esperienze paranormali che coinvolgono la sensazione di ricordare e i sensi. È una sensazione di avere familiarità con qualcosa che non dovresti sapere o conoscere. Una sensazione di aver vissuto una situazione attuale.

La vera risposta di deja vu è che nessuno lo sa davvero. Ma come abbiamo commentato in precedenza, ci sono molte teorie. Una possibilità è che i momenti di déjà vu siano marcatori o ricordi di sogni. Nei sogni non abbiamo alcun controllo cosciente, siamo in uno stato in cui il subconscio può emergere e materializzare il momento, per così dire. I momenti del deja vu sono quelli che abbiamo vissuto nei sogni e che possiamo ricordare durante la nostra vita da svegli. Questo li rende un tipo di precognizione .

Un’altra teoria per spiegare questi casi di anelli temporali punta agli alieni. Le persone che credono di essere state rapite hanno riportato momenti più frequenti di déjà vu. L’argomento sarebbe che la ripetizione di eventi vissuti sarebbe il risultato di ricordi cancellati che ritornano alla superficie della nostra mente. Cablate anche la possibilità che le persone intrappolate nel tempo possano accelerare i ricordi di una vita passata che raggiungono la mente cosciente. Forse in una vita passata, hai interagito con un luogo, una persona o uno spirito particolari. Quando trovi queste energie in questa vita, le riconosci inconsciamente, ma la mente cosciente no. E infine abbiamo la teoria di Matrix e che il momento ripetitivo è il risultato di fallimenti nella simulazione in cui viviamo. Tuttavia, tutto ciò rimane un mistero.

Potrebbero essere crepe nel tempo che si stanno in qualche modo aprendo nel tessuto della realtà per attirare queste persone? È una sorta di fallimento in Matrix o realtà simulata in cui viviamo? O è qualcosa di così strano che non riusciamo nemmeno a capire?

Riferimenti MundoEsotericoParanormal

Related posts

Nikola Tesla e i numeri 3-6-9. La chiave segreta per l’energia libera?

Deslok

NEWS FANTASCIENZA Mondi Diversi (e perturbanti) di Maurizio Ganzaroli

Deslok

E’ online la nuova puntata del Canale “Aeramya Articolando tra le Stelle” – La Scuola della Vita: Nulla accade per caso

Maya Hikari