Hack The Matrix
News

La crisi di Governo? C’era la “profezia”

Qualche mese fa, precisamente il 22 giugno, Alessandro Di Battista ci stava già dicendo che il governo sarebbe crollato.

Questa la sua intervista:

“La politica dovrebbe ridistribuire ricchezza e diritti. Quella di oggi prova a ridistribuire solo prebende e poltrone. Io non ho nessun incarico, non ho poltrone da difendere e per questo vi prego di credermi.

La Lega Nord ha deciso di far cadere il governo per molte ragioni. Perché prima o poi sarebbe arrivata la votazione della legge sul conflitto di interessi e Berlusconi sarà anche morto politicamente ma il suo potere ricattatorio ancora no. Perché la Lega Nord presto avrebbe dovuto scegliere se stare dalla parte dei Benetton o dei morti del ponte Morandi. Perché la Lega Nord non ha nessunissima idea su come finanziare la Flat-Tax. Perché loschi personaggi che ruotano attorno ai leghisti da mesi lavorano affinché le norme anti-corruzione approvate nei mesi scorsi vengano annacquate. E soprattutto perché la Lega Nord non si poteva permettere il taglio definitivo di 345 poltrone di parlamentari.

Per quale motivo? Perché la Lega Nord, per crescere soprattutto in determinati territori, sta imbarcando impresentabili di ogni tipo, ruderi provenienti da Forza Italia, alcuni dei quali con le fedine penali sporche come la coscienza di Salvini. E a costoro il “posto fisso” in Parlamento va garantito, altrimenti non indirizzerebbero mai verso la Lega i pacchetti di voti che controllano.

Vi prego di credermi, ripeto, non ho nulla da difendere a parte le mie idee e il dovere di condividere con voi quel che ho compreso sugli uomini politici durante la mia passata esperienza in Parlamento. Per chi (come la Lega Nord) ha scelto di distribuire poltrone in cambio di pacchetti di voti averne 345 poltrone in meno è una calamità da scongiurare, anche a costo di far cadere un governo senza alcuna ragione plausibile.

Per questo, da cittadino, chiedo che la votazione sul taglio del numero dei parlamentari venga fatta il prima possibile, senz’altro prima della mozione di sfiducia al Presidente Conte. Perché ciò significherebbe far risparmiare al Popolo italiano 300.000 euro al giorno e, allo stesso tempo, togliere ad un partito capitanato da un turpe opportunista una fetta di potere clientelare.”

di Alessandro Di Battista

loading...

Related posts

Una donna afferma di essere la proprietaria del Sole: “Ora dovrete pagarmi per il suo utilizzo” (Video)

Deslok

Tonno al botulino, allarme in tutta Europa: ritirate 3500 confezioni, 4 persone ricoverate in ospedale

Deslok

44 persone sono rimaste ferite da un’enorme onda nella “Piscina Tsunami” in un parco acquatico cinese (Video)

Deslok