Hack The Matrix
Archeologia Misteriosa

Geroglifici di 5000 anni riscrivono la storia dei primi faraoni egizi (Video)

loading...

Circa 60 disegni incisi nella pietra e iscrizioni geroglifiche risalenti ad almeno 5.000 anni fa, sono stati scoperti dagli archeologi a Wadi Ameyra nel deserto del Sinai.

Credito: foto e disegni per gentile concessione di D. Laisney

Secondo gli archeologi, furono creati dalle spedizioni minerarie inviate lì dai primi faraoni dell’antico Egitto, rivelando numerosi dettagli precedentemente sconosciuti dell’antica storia egizia.

Una delle iscrizioni parla di una regina con il nome di Neith-Hotep, co-fondatrice della Prima Dinastia che regnò in Egitto come reggente del giovane faraone Djer. I ricercatori stimano che le incisioni più antiche abbiano circa 5200 anni, mentre la più recente iscrizione di circa 4800 anni menziona un faraone di nome Nebra, il secondo faraone della Seconda Dinastia d’Egitto.

“Le iscrizioni sono probabilmente un modo per proclamare che lo stato egizio possedeva l’area”, ha detto a Live Science il team leader Pierre Tallet, professore all’Université Paris-Sorbonne.

Il professor Tallet ha spiegato che a sud di Wadi Ameyra, le antiche spedizioni egiziane sarebbero state inviate alla ricerca di rame. Qualche tempo dopo il regno di Nebre, il percorso delle spedizioni cambiò, andando oltre Wadi Ameyra, ha detto.

È interessante notare che le iscrizioni scolpite dalle spedizioni minerarie ci dicono che la regina Neith-Hotep divenne sovrana d’Egitto circa 5.000 anni fa, millenni prima che le più famose controparti Hatshepsut o Cleopatra VII governassero la terra dei faraoni.

Questa nuova scoperta  ha introdotto la regina Neith-Hotep agli egittologi, aiutandoli a correggere la storia dietro di lei. Gli egittologi hanno scoperto la sua esistenza ma credevano che Neith-Hotep fosse sposata con il faraone Narmer. “Le iscrizioni dimostrano che lei [Neith-Hotep] non era la moglie di Narmer, ma una regina reggente all’inizio del regno di Djer”, ha detto Tallet.

Incredibili iscrizioni trovate a Wadi-Ameyra riscrivono la storia del primo antico Egitto. Credito: cortesia di Pierre Tallet

Un’altra iscrizione estremamente importante trovata a Wadi Ameyra, ha mostrato agli archeologi che l’antica città egiziana di Memphis, una volta capitale dell’Antico Egitto, era chiamata anche “the White Walls” ed è molto più antica di quanto precedentemente stimato dai ricercatori. Tallet dice che, secondo gli antichi scrittori greci e romani, Memphis fu costruita da un re mitologico chiamato “Menes”, un sovrano che gli egittologi considerano essere il faraone Narmer nella vita reale.

Le iscrizioni a Wadi Ameyra indicano che Memphis esisteva molto prima di quanto si pensasse in precedenza, persino prima di Narmer.

“Abbiamo in Wadi Ameyra un’iscrizione che dà per la prima volta il nome di questa città, the White Walls, ed è associata al nome di Iry-Hor, un re che governò l’Egitto due generazioni prima di Narmer”, ha detto Tallet. L’iscrizione mostra che l’antica capitale esisteva già intorno ai tempi di Iry-Hor e avrebbe potuto essere stata costruita ancor prima che lui diventasse il faraone.

Tallet ha inoltre spiegato che tra le iscrizioni di Wadi Ameyra, i ricercatori hanno anche trovato diverse iscrizioni raffiguranti delle barche. Tra le tre raffigurazioni delle barche, gli archeologi hanno potuto identificare un “serekh reale”, un simbolo faraonico che assomiglia un po ‘alla facciata di un palazzo.

È interessante notare che le barche furono sepolte accanto alle piramidi egizie nel lontano passato, e alcune barche furono persino sepolte vicino alle piramidi dell’altopiano di Giza. Tuttavia, il design delle barche rappresentate dalle spedizioni minerarie a Wadi Ameyra “sono davvero arcaiche, molto più antiche” di quelle che si trovano accanto alle Piramidi, ha detto Tallet in un’intervista.

I ritrovamenti sono stati segnalati di recente nel libro ““La Zone Minière Pharaonique du Sud-Sinaï II” (Institut Français d’Archéologie Orientale, 2015).

a cura di Hackthematrix

fonte

loading...

Related posts

(VIDEO) ESCLUSIVO : La conferenza stampa sulle mummie di Nazca

5.000 anni fa, un ‘gigante’ dominò l’Antico Egitto

Scoperta nella giungla del Perù una “città perduta” dell’Impero Inca