Hack The Matrix
Ufo e Misteri

LE IMMAGINI DELL’UFO AVVISTATO DURANTE LA MISSIONE GEMINI IV FINALMENTE DISPONIBILI!

loading...

Il generale  James McDivitt, USAF, in pensione, era il comandante della missione Gemini IV.

Fu su quel particolare volo spaziale del giugno 1965 che McDivitt vide ciò che descriveva con queste parole: “Aveva una forma ben definita – un oggetto cilindrico – era bianco – aveva un lungo braccio che sporgeva sul fianco. come una lattina o un barattolo, e con una piccola cosa come forse una matita o qualcosa che spuntava da esso.”

 

McDivitt era probabilmente molto vicino al veicolo spaziale, ma era anche un po ‘confuso:

Non so se fosse un oggetto molto piccolo da vicino o un oggetto molto grande molto lontano.Era difficile da giudicare. Non so davvero quanto fosse grande. Avevamo due videocamere che al momento galleggiavano nel veicolo spaziale, quindi ne ho presa una e ho scattato una foto dell’oggetto, ho afferrato l’altra e fatto un’altra foto. Poi ho acceso i sistemi di controllo dei razzi perché temevo di poterlo colpire.

All’epoca stavamo andando alla deriva, non ho idea di quale direzione stessimo prendendo, ma mentre ci allontanavamo un il sole splendeva sulla finestra della nave spaziale. Il parabrezza era sporco, proprio come in un’automobile, non si poteva vedere attraverso di esso. Così ho fatto andare di nuovo i motori di controllo del razzo e ho spostato la navicella spaziale in modo che la finestra fosse di nuovo nell’oscurità, l’oggetto era sparito.

Alla fine della giornata  non sapeva a cosa credere. Ci sono quelli che accetteranno una spiegazione più convenzionale e altri che dichiareranno che questo è la prova di ET. Qualunque cosa fosse, sono sicuro che McDivitt spesso desidererebbe di non aver visto quello che ha visto …

A cura di Hackthematrix

source

 

loading...

Related posts

UFO CRASH SU MARTE? SCOTT WARING NE E’ CONVINTO

L’imminente Rivelazione della presenza Extraterrestre sulla Terra

Le dichiarazioni dell’esponente dell’Agenzia Spaziale Italiana sconvolgono tutti. Ecco perché…