Hack The Matrix
Controinformazione

AAA Ferrara cercasi Pifferaio Magico

loading...

 

Ebbene si avete letto  bene, Ferrara cerca un pifferaio magico per liberarla dai ratti… I ratti a Ferrara ma che succede?

I ratti girano indisturbati vicino ai cassonetti dei rifiuti perchè ormai dopo l’avvento dei cassonetti per l’immondizia a calotta, la gente ha incominciato ad abbandonare i rifiuti vicino ai cassonetti  e anche per strada.

Ora con  il nuovo sistema serve una carta tipo bancomat per aprire la calotta e gettare dentro i rifiuti nel cassonetto. Ma l’apertura è molto piccola e sacchetti di grandi  dimensioni non entrano neppure.

Qualche calotta ha dato pure segni di malfunzionamento…Qualcuno a Ferrara ha giudicato questo nuovo sistema  di raccolta dei rifiuti  come il peggiore d’Italia e in Europa.

Quindi la  situazione va pian piano degenerando. Immaginatevi la complessità per una persona anziana che deve usare la tesserina per buttare i rifiuti..

Sono molte le lamentele da parte dei cittadini infuriati con questo nuovo sistema per la raccolta dei rifiuti.

La cosa non chiara è che tipo di beneficio avranno i cittadini  con questo  nuovo sistema. Si lamentano tutti negozianti compresi, e il bello è che ancora non si sa quanto si pagherà in quanto le tariffe non sono ancora disponibili.

Basta farsi un giro per la città per capire la situazione.

Cambiare un sistema che funzionava benissimo con questo non è piaciuto proprio a nessuno.

Gli unici che hanno tratto benefici  sono appunto i ratti…quei ratti che molto probabilmente sono quelli “sfrattati” dal Palaspecchi, in via di demolizione, dove vivevano con lo  status di “rifugiati”…

Speriamo, per i cittadini, che il Pifferaio arrivi al più presto…

Di seguito qualche video pubblicato dal segretario della Lega Nord Nicola Lodi sulla sua pagina  Facebook:

loading...

Related posts

Il comunismo è una malattia mentale?

Giuseppe Povia a Ferrara per svegliare i “bimbiminkia” e non solo

La Terra “si sta spezzando”: oltre 20 potenti terremoti nelle ultime 48 ore. Siamo sicuri che siano naturali?