Hack The Matrix
Archeologia Misteriosa

Scoperto a Giza un tempio di 3.000 anni appartenente a Ramses II

loading...

Gli archeologi hanno scoperto i resti di un antico tempio egizio appartenente a Ramses II, il terzo re della dinastia del 19° secolo.

La scoperta, fatta nel sito archeologico della necropoli Abusir a Giza, è l’unica prova che dimostra che il faraone ha mantenuto una sorta di presenza nella regione. Ad annunciarlo è il Ministero delle Antichità in un post  sulla loro pagina Facebook durante il fine settimana .

Il sito del tempio segna una transizione naturale tra le rive del fiume Nilo e la pianura alluvionale di Abusir. I resti sono più vecchi di 3.000 anni e misurano a 32 x 50 metri (105 x 167 piedi).

Lo scavo ha rivelato un grande piazzale, che si trova adiacente a due edifici di stoccaggio. Le pareti laterali della corte erano state ricoperte di colonne di pietra e racchiuse. Tracce di vernice mostrano che almeno alcune sezioni del muro sono state dipinte in blu.

Verso la parte posteriore dell’edificio, gli archeologi hanno trovato i resti di quello che sembra una rampa o una serie di scale che portano in un santuario. La parte posteriore del santuario era suddivisa in tre camere parallele.

Secondo la dichiarazione , i resti del tempio erano stati ricoperti da enormi depositi di sabbia e pietre, alcune delle quali contenevano frammenti di rilievi policromi. Questi rilievi avrebbero compiuto una funzione decorativa, il dottor Miroslav Barta, che dirige la missione ceca, lo ha spiegato ai  media locali .

Inoltre hanno permesso al team degli archeologi di datare il tempio al regno di Ramses II (1279-1213 aC). Ramses il Grande ha dominato per un periodo impressionante 67 anni e si dice che abbia generato più di  100 bambini . Un bassorilievo conteneva incisioni con i vari titoli diversi appartenenti al faraone.

Un altro frammento di sollievo mostra immagini degli dei Amun, Ra (anche scritti Ra e Pra) e Nekhbet, confermando così che gli egizi continuavano ad adorare il dio del sole in questo periodo e in questa regione.

La scoperta del tempio di Ramses II fornisce testimonianze uniche sull’edilizia e le attività religiose del re nella zona di Memphis e allo stesso tempo mostra lo stato permanente del culto del dio del sole Ra venerato in Abusir dalla 5a dinastia e successivamente e nel Nuovo Regno“, ha detto Barta ai media di Stato.

a cura di Hackthematrix

loading...

Related posts

Gli archeologi scoprono un’altra sfinge sepolta nel tempio di Kom Ombo vicino ad Assuan (Video)

LE DIVINITÀ CHE SI RIBELLARONO AGLI ANUNNAKI

Gli antichi egizi sapevano come liberare il potere della ghiandola pineale

Inline
Inline