Hack The Matrix
Ufo e Misteri

“La storia dimenticata del Papiro Tulli”

loading...

 

 

Risultati immagini per il papiro tulli

La mia storia:

Attraverso le scintillanti spirali delle nebulose , tra soli palpitanti e astri antichi, la vita scorre sulle onde del cosmo, e in ogni angolo dell’infinito si manifesta, nasce, muore. Quando i primi pionieri del cosmo partirono dal pianeta Altair. Centinaia e centinaia di anni or sono, si trovarono sulla soglia dell’infinito: da una parte, la strada di una civiltà soffocante, dall’altra, la strada del pericolo e dell’avventura, la strada dell’ignoto.

Era la soglia dell’universo: un oceano immenso, popolato di isole ben più distanti tra loro delle isole di Altair, attraverso il quale ci si poteva muovere solo scivolando nel nulla impenetrabile che divide gli universi.

Come lenti viandanti le astronavi balzavano di mondo in mondo, raggiungendo i pianeti dello stesso sistema svanendo nel nulla dove non esistono distanze, dove il tempo si ferma. Le astronavi raggiungevano le stelle più lontane e su queste stelle trovavano pianeti e abitanti e spesso le loro vie erano diverse. Per collegare i mondi, per trovare territori ci volevano altri esseri, oppure uomini… uomini disposti a rinunciare a un mondo e a una casa.

Viaggiano nell’iperspazio raggiunsero l’antico Egitto contattarono Thutmose III.

La storia del “Papiro Tulli”:

Il “Papiro Tulli” è un testo enigmatico, descritto come il primo resoconto scritto di un avvistamento UFO.

Il testo egiziano risalente alla XVIII dinastia, potrebbe essere la più antica testimonianza conosciuta sugli extraterrestri?

Questo documento descrive con dovizia di particolari uno spettacolare avvistamento UFO avvenuto presumibilmente in Egitto durante la regno di Thutmose III. Il testo è stato dimenticato per secoli prima di provocare scalpore nel 1930 quando venne portato alla luce da  Alberto Tulli, direttore della sezione egizia dei Musei Vaticani.  Anche se il papiro era gravemente danneggiato e conteneva diverse lacune, il principe Boris de Rachewiltz riuscì a tradurlo, affermando che il papiro risaliva al regno di Thutmose III. Tuttavia il testo non fa alcun riferimento al Faraone un fatto che suscita sospetti da parte degli scettici. Comunque il presunto avvistamento UFO è avvenuto intorno all’anno 1480 a.C. ed è stato testimoniato da molte persone, stando a ciò che si deduce dal papiro stesso. Secondo alcuni studiosi non allineati alla tesi extraterrestre gli antichi egizi avrebbero confuso quelli che ciamano “dischi di fuoco” con fenomeni astronomici o meteorologici rari come ad esempio le esplosioni solari. Secondo altri studiosi invece, la grande conoscenza degli egizi in campo astronomico avrebbero reso difficile non differenziare i fenomeni astronomici dai fenomeni si, inspiegabili ma non reconducibili a fenomeni cosmologici. Comunque, il “Papiro Tulli” non è mai stato tradotto in maniera appropriata in quanto è scritto in maniera criptica, inoltre, a noi oggi restano solo alcune copie fatte da Tulli e testimoniate da Rachewiltz, in quanto il documento originale è misteriosamente scomparso.

 

Ora “Sorridi”. E quando avrai un momento di smarrimento o indecisione, fermati, aspetta e senti il tuo cuore.

…a mia figlia Miriam con infinito amore…

articolo a cura di vito ditaranto

loading...

Related posts

Alex Collier: “l’umanità adesso si trova in un momento in cui deve maturare spiritualmente”

Secondo i ricercatori, trovato legame tra la tomba di Nazca e Roswell

LA SCOPERTA DI DUE ENORMI STRUTTURE ALL’INTERNO DEL NOSTRO PIANETA, SUPPORTA L’IPOTESI DELLA TERRA CAVA?