Hack The Matrix
Switch On The Brain

Ad ottobre ci sarà una nuova stella nel cielo, e non sarà naturale (Video)

loading...

Guarda il cielo notturno alla fine di ottobre e potresti vedere una nuova “stella” scintillante nel cosmo. La minuscola particella di luce non sarà la progenie di una nebulosa gorgogliante, ma la prima scultura spaziale del mondo, che orbiterà la Terra per tre settimane.

Con la lunghezza di un campo di calcio, e la forma di un diamante di forma allungata, la scultura chiamata ‘ Orbital Refletor ‘ è il frutto del lavoro di un artista americano Trevor Paglen e sarà lanciato a bordo di un razzo Falcon 9 della SpaceX s’ Elon Musk.

Orbitando intorno al pianeta una volta ogni 90 minuti, a 560 chilometri dalla superficie, la scultura sarà visibile circa quattro volte a notte, mentre il Sole si riflette sulla sua superficie luminosa subito dopo il crepuscolo e prima dell’alba.

Trevor Paglen e il prototipo di un satellite non funzionale (Project 4; Build 4) del 2013

Paglen, il cui lavoro cerca di evidenziare la sorveglianza di massa e la protezione dei dati, ha detto che voleva che le persone guardassero il cielo notturno con rinnovato senso di ammirazione e considerassero il loro posto nell’Universo. Sarà ilprimo satellite puramente un gesto artistico. (Correzione: come ricorda il lettore Carlos Hoffmann, avevamo già un’altra stella artificiale, come si può leggere qui.)

L’idea di mettere arte nello spazio fu originariamente concepita dall’artista russo Kazim Malevitch, che predisse un opera di cui il mondo avrebbe parlato, che chiamò ” sputnik “. Il nome fu infine adottato per il primo satellite del mondo.

Il nuovo lavoro è una scultura riflettente e gonfiabile apposta su un piccolo satellite che orbiterà attorno alla Terra per diverse settimane prima di disintegrarsi mentre rientra nell’atmosfera terrestre.

Plagen ha detto:

Sembrerà una delle stelle del Grande Carro, ma si muoverà lentamente attraverso il cielo.

Sarà in quella che viene chiamata un’orbita sincrona del Sole, e lentamente cadrà sulla Terra da lì, infine bruciando innocentemente mentre si avvicina alla Terra.

Questo è un progetto logisticamente intensivo – non è sicuramente qualcosa che un artista può fare nel suo studio.

Lo spazio è in realtà piuttosto grande ed è estremamente improbabile che possa scontrarsi con qualsiasi altra cosa. La cosa principale di cui preoccuparsi è lanciarlo con successo evitando altri satelliti. Abbiamo collaborato con il provider di lancio per redigere un piano per mitigare eventuali incidenti sul sito.”

La scultura sarà vista all’alba e al tramonto, poiché rifletterà i raggi del sole.

La scultura è stata costruita da Global Western Aerospace , in un materiale super leggero, che al momento del lancio è imballato all’interno di una nave simile a una piccola scatola, noto come CubeSat.

Sarà lanciato da SpaceX dalla Base Aerea di Vandenberg in California alla fine di ottobre.

Il razzo inizialmente attraccerà alla Stazione Spaziale Internazionale, dove CubeSat verrà portato a bordo. Al momento giusto, sarà immesso nello spazio, dove verrà liberata la scultura.

Tornando sulla Terra, le persone che vogliono vederla possono collegarsi a questo sito per scoprire quando sorvolerà le propria posizione.

Paglen ha detto che voleva evidenziare quanti satelliti girano intorno alla Terra.

Questa non è la prima volta che ha inviato un’opera d’arte nello spazio. In precedenza, nel 2012, ha pubblicato ” The Last Pictures “, una raccolta di 100 immagini destinate a rappresentare la storia umana su un satellite geostazionario.

The Orbital Reflector è co-prodotto e presentato dal Nevada Museum of Art . Attualmente uno dei primi prototipi dell’opera d’arte è appeso al museo.

A cura di Hackthematrix

Source

loading...

Related posts

Non incontriamo mai nessuno per caso: 3 tipi di connessioni cosmiche che tutti sperimentiamo

Deslok

Il Sole è parte di noi stessi e ci conduce ad altri stati di Coscienza

Deslok

Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare a ignorare molte persone

Deslok

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.