Hack The Matrix
Archeologia Misteriosa

Piramidi in Europa? Certamente! – Le più grandi e antiche della Terra!

loading...

Oggi abbiamo il piacere di pubblicare l’articolo dell’amico, Ugo Argenton,  ricercatore affiliato al CSETI. Ugo ci porterà con lui alla scoperta delle piramidi in Bosnia raccontandoci la sua esperienza personale. Vi auguriamo una buona lettura, che sia un ottimo spunto di riflessione.

Sergio T. – Hackthematrix

Quante sono le piramidi nel mondo? Una volta, neanche tanto tempo fa, pensavo ce ne fossero in Egitto, in Messico e un paio di altre zone lontane.

Poi ho scoperto che la Cina ne ha centinaia, la maggioranza delle quali coperte di alberi e vegetazione, come appunto in gran parte lo sono le Piramidi della Bosnia.

Oggi fare l’elenco di paesi che ospitano strutture piramidali, sarebbe troppo lungo, poiché sono presenti in tutti i continenti, compresa l‘Antartide…Molta disinformazione è stata fatta sull’argomento, specie in TV, facendo passare le tre stupende piramidi di Giza come risultato finale di un’evoluzione nelle capacità ingegneristiche; in realtà non c’è accordo sulla loro età e la Sfinge sappiamo ormai bene che porta le tracce di piogge intense risalenti a epoca prediluviana, 12000 anni fa ca.

Sulla Piramide del Sole, scalata in questa mia avventura, ho letto di due datazioni col radiocarbonio: una di 24800 anni e l’altra di 30-32000, ma avrete anche voi notato ricercando, che discrepanze del genere sono comuni e non per forza contraddittorie

Nella foto il ricercatore Ugo Argenton

.Gli archeologi italiani dott.Riccardo Brett e dott.Niccolò Bisconti, mandando una foglia fossilizzata rinvenuta nel cemento della piramide nel giugno 2012, a un laboratorio specializzato di Kiev, constatano la datazione al radiocarbonio di ben 24.800 anni; e così si ha l’età minima della struttura piramidale!!

Vorrei ancora darvi un paio di informazioni, tra le tante, a dimostrazione più che sufficiente, che in Europa esiste la più grande ed antica piramide del mondo.

E che si sta scoprendo essere una vera “macchina vivente” o convertitore di energie di vario tipo, che sono state verificate e confermate già dal 2010, tramite strumentazioni e misurazioni obiettive e verificabili e perfino con sistemi satellitari.

E inizio dall’Università di Trieste, città in cui nacqui e mi trovo ora. Avevo già visto il prof.Debertolis in più di un video su Youtube dove si notava in Lui una certa prudente apertura a queste realtà.”Il prof. Paolo Debertolis dell’Università di Trieste ha indagato sul fenomeno degli ultrasuoni alla sommità della piramide bosniaca del Sole, dal 2010 al 2012.

Utilizzando attrezzature professionali egli ha rilevato e misurato ultrasuoni fino a 28400 Hz sulla cima della piramide.

Alla ricerca dei segreti delle Piramidi in Bosnia

.Gli ultrasuoni si presentano a blocchi, con una distanza regolare di 9.3333 Hz.”….”Questa è un’ulteriore conferma che la piramide bosniaca del Sole sia un’enorme macchina che produce energia.”(Sam Osmanagich-v. pag.307 del libro citato).

Passando ora a esaminare il materiale di cui sono fatti i lastroni della suddetta piramide, oltre a laboratori più vicini al sito, è stato coinvolto nelle analisi anche il Politecnico di Torino, vanto italiano nel mondo. Ebbene, in base all’analisi chimica e difrattometrica, è stato evidenziato che “ i campioni di blocchi di arenaria e conglomerato cementizio sono un materiale da costruzione realizzato per mano dell’uomo”.

L’autore in cima alla piramide della Luna e dietro il suo capo, la Piramide del Sole

LA MAPPA NON è il TERRITORIO

UN’ESPERIENZA CHE RIFAREI

Avevo già previsto che questa avventura sarebbe stata diversa dalle immagini che proditoriamente s’infiltravano nella mia mente e voglio confidare a te, lettore interessato, ma anche a me stesso, una cosa…Diversamente dalle mie precedenti ricerche in Inghilterra e in Piemonte, riguardanti i cerchi nel grano, questa volta ho avuto momenti in cui dal “preconscio”, emergeva una inusuale sensazione di paura, vedendo questa “collina colossale” con quelle pendenze così regolari.

Sicuramente nel momento in cui comunico qui, sto vivendo un lento processo di sedimentazione e stoccaggio di una miriade d’informazioni e non solo di livello verbale.

THE ARRIVAL – Programma vario e ricco! –

(…e una sorpresa non gradita!)

Il tour consisteva in un programma organizzato di 7 giorni e 8 notti, con esplorazioni guidate dal Dr.Osmanagich e Sue Jones, visite a parchi dedicati a rigenerazione e ispirazione e conferenze serali di studiosi internazionali come Patrice Marty (-The Elongated Skulls-evidence of an extraterrestrial civilization?). 44 gli iscritti al tour, provenienti da: Austria-Germania-Norvegia-Francia-Svizzera-Gran Bretagna-Canada-Hong kong-Singapore-Messico-Turchia-Australia-Bosnia e Italia.

Quella prima notte dovetti però confrontarmi con uno choc, cui forse solo quelli che hanno viaggiato in paesi di religione islamica sono preparati.

Alle 4h una voce baritonale e ben modulata mi raggiunse come un boato a forse 70 decibel!! Come originasse forte dalle pareti della stanza!

Non mi spaventò ma di certo m’interruppe il sonno per ore, e subito mi chiesi: sarà così ogni dì?!In seguito, forse anche per le proteste manifestate alla segretaria Leyla, abbassarono un po’ il volume e addirittura per un paio di notti, con sollievo di tutti, si dimenticarono di quell’invito alla preghiera- non proprio gradito né richiesto…

La Bosnia è ora islamica al 70%, con un 10% di cattolici e altre minoranze.

Ho riportato questo lato meno positivo perché non sono il tipo da nascondere anche ciò che (mi) può irritare e deludere. Anzi il bello e il magico dell’esperienza vissuta, spesso impone contrarietà da saper affrontare e/o vivere al meglio comunque.

Potrei anche aggiungere che le “energie o entità” contrarie al progresso dell’anima, si servono magari occultamente, di ogni elemento di disturbo possibile, per ostacolare il cammino di conoscenza e liberazione; almeno finora, è andata così per me, ma intuisco e credo valga per tutti.

Nella foto il Dr.Osmanagich

1° g.(prima giornata) sabato 16 giugno 2017- Dopo la notte passata mezza in bianco, due belle soddisfazioni. La prima è stata di essere arrivato Lì e quindi poter VEDERE e TOCCARE!Ma soprattutto sentivo di essere avvolto da un’aria e una “sensazione ambientale” difficile da definire…

La seconda soddisfazione è stata quando ho sentito raccontare dal Dr. Semir, della causa per cui quei blocchi, ricorrenti anche in molti video, fossero così sconnessi e cadenti!

Tale visione mi aveva sempre lasciato col punto di domanda… Dei “gytanes”, in cerca di materiale da costruzione, avevano fatto saltare con la dinamite quella parte della piramide; sui particolari storici però ora non so darvi ragguagli.

Comunque, per chi ha una mentalità olistica e divergente, una conferma del genere è importante: tacita la dissonanza cognitiva generata da quella parziale disarmonia nel quadro d’insieme, peraltro incontestabile.

Nelle foto in cui si vede chiaramente la parete della piramide, potrete notare il colore ocra del rivestimento: chissà come risplendeva al sole questa piramide 30000 anni fa?

Nota: Citazioni dal volume di Sam Osmanagich: “PIRAMIDI perdute in Bosnia e piramidi nel mondo”Maggio 2017-Uno Editori

(Fine 1ma parte)

di Ugo Argenton – Hackthematrix

Articolo protetto da copyright quindi non pubblicabile su altri siti senza richiedere autorizzazione

loading...

Related posts

I ricercatori scoprono la tomba del ‘dio-re’ Maya del 4° secolo

Deslok

Incredibili reperti trovati in una grotta ecuadoriana scuotono la comunità scientifica (video)

Deslok

Nuove scoperte su una stele sumera stravolgono la storia dell’umanità

Deslok

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.