Hack The Matrix
Switch On The Brain

La Siberiana E’ morta – Vergognoso epilogo di un’oasi

loading...
C’era una volta, a Ferrara, una piccola oasi di tranquillità e prelibatezze. Un piccolo chiosco che, dalla primavera al primo autunno, ospitava gente di tutte le zone della città.

 

Circondato da alte siepi e immerso nel contesto dei giardini delle mura storiche di viale IV Novembre, questo posto accogliente ha visto avvicendarsi ai suoi tavoli intere generazioni di ferraresi. Tutti, ma proprio tutti, gli abitanti della città estense lo conoscevano, ne parlavano, almeno una volta c’erano stati.

 

Oggi questo luogo non esiste più.

La Siberiana è scomparsa. È morta.

Le coppe di gelato, le granatine siciliane e tutte quelle cose piacevoli che tutti ricordiamo e che nella stagione calda ci coccolavano, sono state spazzate via da una legge assurda, da politici ciechi e sordi, da istituzioni refrattarie a qualsiasi tipo di confronto e dialogo.

Chi ha permesso che La Siberiana venisse cancellata per sempre? Paradossalmente non è importante, perché lo è di più chi invece non ha mosso un dito per salvare un piccolo angolo di quiete in una zona della città martoriata da decenni.

La zona Gad (il Quartiere Giardino) è stato messo su un piano inclinato e lasciato rotolare verso il basso senza che nessuno si sia mai, mai, veramente impegnato per fermarne il degrado.

 

Il chiosco dei coniugi Malacarne poteva fare qualcosa contro questo assurdo scivolamento verso il nulla? Certo che no e affermare il contrario sarebbe semplicemente ridicolo, ma aveva un suo ruolo sociale, oltre che storico, e questo non può essere confutato.

 

Sociale, perché era un faro in mezzo a una oscurità continua e galoppante; storico, perché, come pochi altri esercizi della città, era davvero un condensato di storia per tutti.

 

La Siberiana era l’amico che sapevi di poter sempre ritrovare, che comunque andassero le cose non avrebbe mancato all’appuntamento, che ti avrebbe tenuto le porte aperte.

 

Eppure, a leggere queste righe potrebbe passare il messaggio che la legge si deve aggirare, se va a vantaggio di qualcuno (o qualcosa) a cui si tiene. Assolutamente no.

Credo si tratti solo di buon senso.

Certo, La Siberiana sorgeva “su area che non ammette edificazioni di sorta perché tutelata quale zona di rispetto delle mura ma allora la domanda rimane sempre la stessa: di quale rispetto si parla se da ora in poi le mura di IV Novembre saranno completamente alla mercé di nugoli dimicrocriminalitàprostituzione e altre brillanti e utili attività che hanno già mani ovunque?

 

Ferrara non ce n’era già a sufficienza di pattume senza che si sentisse il bisogno di spegnere l’ultima luce positiva?

 

E non mi si venga a parlare degli interventi di riqualificazione, perché temo che si sia fuori tempo massimo. E, soprattutto, non si punti il dito sempre e solo sull’immigrazione, perché il degrado di questa parte di città è cominciato molto prima dell’esplosione migratoria degli ultimi anni.

 

Certo è, e rimane un dato di fatto, che malgrado tutto La Siberiana faceva il suo bel lavoro, con le sue luci, la musica, la moltitudine di gente che andava e veniva fino a tarda sera per gustarsi un gelato e rigenerarsi nella calura stiva. Gente che non creava frastuono, non dava il via a risse, non si ritrovava per spacciare. Gente normale.

 

E quindi? Dove e come mancava di rispetto alle mura storiche tutto questo?

In che modo il chiosco contravveniva alle leggi ferree di buongusto mentre per tutto il resto dell’immondizia che abbiamo (e parlo di persone) pare che queste leggi non siano poi così fermamente applicate?

Mi scuso, ovvio, con i tutori dell’ordine, ma io non ce l’ho con loro.

Ce l’ho con chi legifera e con chi non muove un dito.

Quello che mi fa ribollire il sangue è che, ammesso che avessero il potere di fare legalmente qualcosa, il Sindaco e la sua ciurma avevano l’obbligo morale e civile per opporsi a questo scempio. Dovevano farsi sentire, anzi, dovevano urlare il loro dissenso.

 

Soprattutto il Sindaco, cittadino da cui ti aspetti non solo che amministri secondo la legge, ma anche secondo coscienza, come un padre di famiglia.

E se poi fosse comunque andata così, pazienza, ma almeno avremmo potuto dire, orgogliosamente: che Sindaco che abbiamo, cazzo! Scende in strada con noi!

Invece, diciamo: ma che Sindaco abbiamo?

 

Ma sapete, strumentalizzare è un’arte e anche in una situazione dolorosa come questa è un attimo permettere a qualcuno di cavalcare l’onda di disapprovazione a favore di un altro colore politico.

 

No no no, e no. Io sto dicendo che è stata fatta morire un’entità che aveva qualcosa di diverso dalle altre della città, con tutto il rispetto, sia ben chiaro.

 

La Siberiana era un pezzo della nostra storia. Anche quella del Sindaco, dell’ex Ministro dei Beni Culturali, della giunta presente e di quelle passate eppure…

 

Eppure niente.

Vent’anni di battaglie legali e carte bollate per i coniugi Malacarne e alla fine, non solo han dovuto chiudere bottega, ma si son dovuti armare di arnesi e smontare tutto.

Già, perché la cosa assurda, patetica, cattiva e bastarda, è che tutti i lavori di smantellamento del chiosco (tutti quanti) se li sono dovuti sobbarcare loro ea loro spese!

 

Io non sono in grado di dirvi cosa sia legalmente giusto o no perché non ho letto nessun verbale. A suo tempo ho parlato con i Malacarne, che conosco da bambino, e con tutta la gente che mi è capitata a tiro e alla fine la storia è la stessa: nessuno, tra quelli che potevano, ha fatto niente.

 

Che dire… avanti il prossimo, adesso. Perché è ovvio che succederà. Con chi, non lo sappiamo, ma se la strada è questa è su questa che si deve andare.

 

Ho una certezza, però.

Quando saremo vecchi racconteremo ai nostri nipoti una favola triste:

C’era una volta, a Ferrara, una piccola oasi di tranquillità e prelibatezze…

 

Rolando Cimicchi

loading...

Related posts

La Tavola di Smeraldo contiene tutta la conoscenza dell’universo

Deslok

Posso guarire l’acqua: un bambino delle stelle spiega all’umanità come svegliarsi

Deslok

I monaci con abilità “superumane” mostrano agli scienziati cosa possiamo fare tutti (video)

Deslok

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.