Hack The Matrix
Archeologia Misteriosa

Orme giganti sono state trovate in un antico tempio in Siria. Ulteriore prova dell’esistenza degli Anunnaki?

loading...

L’evidenza che i giganti un tempo vagavano sulla Terra si trovano in tutto il mondo.

Sono queste ulteriori prove, che ci danno un’ulteriore conferma della presenza degli Anunnaki in tempi antichi?

Le rovine del tempio di Ain Dara si trovano nell’omonimo villaggio siriano situato a nord-ovest di Aleppo. Costruito intorno al 1.300 aC, questo luogo di culto è simile in architettura e portata al più famoso Tempio di Salomone.

Gli archeologi non hanno chiaro a quale divinità è stato dedicato questo tempio, e la moltitudine di sculture e bassorilievi che adornano le pareti del sito archeologico rendono difficile capirlo. Ma per trovare il pezzo più intrigante e convincente di Ain Dara bisogna guardare in basso..

All’arrivo e prima di entrare, l’occhio curioso e appassionato noterà rapidamente una strana firma. Invece di una stuoia di benvenuto, si trovano un paio di grandi impronte nude raffigurate nei pavimenti in pietra dell’entrata del tempio.

Una terza impronta può essere trovata oltre le prime due, scolpite sulla soglia, come per rappresentare un gigante con piedi enormi che si dirige verso l’ingresso del luogo di culto.

Misurando oltre 3 metri di lunghezza, queste impronte sarebbero appartenute ad un uomo umano che misurava oltre oltre i 60 metri di altezza!

Nel contesto, queste sculture sono abbastanza strane, ma se si fa un’analisi di tutto il complesso e le rappresentazioni delle divinità in loco, il mistero si infittisce ulteriormente.

Vedete, gli archeologi hanno da tempo studiato le impronte appartenute ad uno degli dei che adorano ad Ain Dara.

Le sculture di Ishtar e il dio sumerico della tempesta di Ba’al Haddad adornano le pareti ma una cattura l’attenzione: stanno tutti indossando scarpe con piedini arricciati. Un dio dovrebbe essere tenuto a togliersi le sue scarpe prima di entrare nel luogo eretto dai suoi devoti? Altamente improbabile. Le impronte, si potrebbe dire, potrebbero appartenere a qualcun altro.

Ai credenti della storia alternativa, queste impronte fungono per ricordare di un tempo in cui gli ‘dei’ camminavano sulla Terra facendola tremare con i loro piedi pesanti. La mitologia della più grande area che circonda Ain Dara lascia certamente spazio a questa ipotesi, perché storie di giganti e dei loro rapporti con l’umanità abbondano in Oriente.

La Mesopotamia è ampiamente considerata la culla della civiltà, per cui sarebbe opportuno cercare l’influenza degli alieni nella zona. E quando la cerchi, è proprio lì, sotto la polvere da millenni.

Gli scultori con queste rappresentazioni ci hanno  voluto lasciare le prove dell’esistenza degli antichi Anunnaki?

a cura di Hackthematrix

https://youtu.be/IeJUajzBrPE

loading...

Related posts

L’INGRESSO AL ‘MONDO SOTTERRANEO’ E’ STATO SCOPERTO SOTTO LA PIRAMIDE MESSICANA DI TEOTIHUACAN

Deslok

IL SEGRETO DEL SATOR

Deslok

Sumeri in Sud America? Il Fuente Magna Bowl

Deslok

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.