Home Archeologia Misteriosa Gli archeologi sostengono di aver trovato una grande piramide egizia in Australia
Gli archeologi sostengono di aver trovato una grande piramide egizia in Australia

Gli archeologi sostengono di aver trovato una grande piramide egizia in Australia

0
loading...

 Un archeologo ritiene che ci sia una MASSICCIA piramide di 900 metri di altezza, nascosta sotto strati di vegetazione e terreno in Australia. Si ritiene che la struttura risalga a circa 5.000 anni fa.

Le piramidi sono sparse in tutto il globo. Non importa dove guardiamo, le antiche culture costruirono meravigliose strutture antiche in tutto il pianeta, e il monumento più noto è la Grande Piramide di Giza, un’antica meraviglia di ingegneria ancora oggi presente dopo migliaia di anni.

Adesso, un gruppo di archeologi dilettanti australiani affermano che prima che l’Australia venisse visitata dagli europei, migliaia di anni prima, gli antichi Egizi visitavano la terraferma dell’Australia e costruirono delle piramidi.

Questo potrebbe  sembrare impossibile a molti, ma secondo il gruppo di ricercatori, più di 5000 anni fa gli antichi egizi si sono recati in Australia, e si crede che abbiano costruito una piramide sotto una montagna nel Nord Queensland e che oggi sia stata scoperta.

Secondo una serie di geroglifici trovati a Gosford, ci sono due piramidi in Australia, una Gympie (nella foto) qui, che è stata demolita, e un’altra che rimane ancora oggi.

Il gruppo afferma come ‘la piramide di Walsh‘, situata a circa 30 minuti ad ovest della popolare città costiera australiana, sia di 922 metri di altezza.

Si dice che la piramide sia il luogo di riposo finale del regno reale egizio Nefer-ti-ru, secondo il gruppo.

Dove la maggior parte delle persone vede solo una massiccia collina a forma di piramide, il gruppo di archeologi vede più di quello che inizialmente incontra l’occhio.

La prova delle loro affermazioni è supportata dai curiosi “Gosford Glyphs“, un insieme di strane sculture che secondo molti ricercatori sono egizie. Situati nelle vicinanze di Sydney, le incisioni intricate si credono abbiano migliaia di anni e sono state scoperte da antichi marinai egizi quando hanno scoperto il continente australiano, circa 5.000 anni fa .

Questi sono gli Glyphs di Gosford.

Questi curiosi set di geroglifici chiamati i geroglifici di  Kariong dovuti al fatto che si trovano nel Parco nazionale delle acque di Brisbane, Kariong e anche chiamati Glyphs Gosford  dovuti alla vicina comunità di Gosford si possono vedere nel New South Wales.

Ma innumerevoli controversie circondano i presunti geroglifici. Numerosi archeologi hanno reso chiaro che gli Glyphs di Gosford sono nient’altro che una falsificazione moderna e come è impossibile che gli antichi egiziani si siano avvicinati all’Australia e abbiano scolpito la curiosa serie di simboli sul lato di una roccia massiccia, per non parlare di costruire piramidi .

Come abbiamo scritto in precedenza, si dice che l’archeologo Ray Johnson abbia tradotto i presunti aghi per il Museo d’Arte Antichità del Cairo e ha avuto successo nel documentare e tradurre le due pareti rivolte ai personaggi egiziani .

La traduzione dei Glyphs di Gosford presumibilmente registra la storia di una tragica saga di esploratori antichi egizi che hanno naufragato in una terra strana e ostile, ora conosciuta come Australia.

È possibile trovare la traduzione di Gosford Glyphs cliccando qui .(in inglese)

L’insieme enigmatico di geroglifici a Gosford indubbiamente indica dove è sepolto il sito di Nefer-ti-ru, un ex membro dell’antica Famiglia Reale Egiziana.

Inoltre, Johnson è convinto che i Gosford Glyphs raccontano la storia di come antichi navigatori egizi costruirono due piramidi in Australia, una delle quali si dice sia stata trovata a Gympie, nel Queensland centrale.

Questa è la presunta Piramide in Australia, che sorge per 900 metri in altezza. La piramide (nella foto), si trova fuori Cairns nel nord del Queensland.

Alla fine è stata demolita lasciando il posto dell’altra Piramide un vero enigma fino ad ora.

Il signor Johnson ritiene che la seconda piramide sia infatti situata sotto strati spessi di terreno, nascosti lontani dalla vista, rimanendo nascosti per migliaia di anni.

Malgrado il fatto che i “geroglifici” indicano l’esistenza di una piramide situata nell’area, il sito in questione, situato nel Parco Nazionale di Wooroonooran , non è mai stato studiato.

Ciò è dovuto principalmente al fatto che gli esperti considerano la posizione in cui Johnson crede sia situata la piramide, sia invece un picco di granito naturale.Tuttavia, gli archeologi sono convinti che questa piramide potrebbe essere simile a quella scoperta sepolta sotto strati spessi di suolo e vegetazione a Visoko, in Bosnia-Erzegovina.

Tuttavia, gli studiosi mainstream rifiutano l’esistenza di una piramide in Australia , per non parlare di due, dicendo che la montagna in cui si dice esista la struttura presunta, ha solo  a forma di una piramide e nient’altro.

Immagine in primo piano  da  3mmI

a cura di Hackthematrix

source

Deslok Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...