Home Ufo e Misteri Il ritorno dei “pilastri di luce”, fenomeno correlato al cambiamento della risonanza della Terra
Il ritorno dei “pilastri di luce”, fenomeno correlato al cambiamento della risonanza della Terra

Il ritorno dei “pilastri di luce”, fenomeno correlato al cambiamento della risonanza della Terra

0
loading...

Tenete gli occhi aperti. I pilastri di luce si stanno manifestando nuovamente. Non è nulla di cui aver paura. Questo sembra essere correlato al cambiamento della risonanza della Terra, ovvero la risonanza di Shumann che dimostra come la Terra sia sottoposta ad un cambiamento o transizione in una densità maggiore in modo meno violento.

Le risonanze di Schumann sono frequenze magnetiche oscillanti che si verificano nello spettro elettromagnetico della Terra. Si dice siano generate dalle variazioni elettromagnetiche che avvengono all’interno del nucleo della Terra, che poi ne influenzano e la ionosfera, compresi gli esseri senzienti che vivono su di essa. Questa risonanza ha misurato circa lo stesso livello per centinaia, se non migliaia di anni, ma sembra stia cambiando. Perché?

E’ stato ipotizzato che la Terra, insieme a tutti gli esseri viventi su di essa, siano circondati e protetti da questa frequenza naturale di pulsazione a 7,83 HZ, detta anche risonanza di Schumann. Gli antichi Rishi indiani chiamavano questo suono OM. Che sia una coincidenza o no, questa è anche una frequenza molto potente da usare con le onde cerebrali che permette agli esseri umani di accedere ai propri cervelli in pieno e ad accrescere la coscienza.

Anche se la risonanza di Schumann può variare a seconda della posizione geografica, essa è stata ferma a circa 7,8 cicli al secondo per anni. Questa risonanza è ritenuta essere il “battito della Terra”, una frequenza di oscillazione alla quale noi stessi ci sintonizziamo al fine di rimanere in equilibrio energeticamente.

Nel 2014 è stato analizzato lo spettro delle frequenze ed è stata notata una anomalia, ovvero il fatto che le frequenze di risonanza di Schumann fossero aumentate dal loro abituale livello di 7.83 HZ ad un livello che va da 15 a 25 Hz.

Picchi della risonanza di Schumann nei primi mesi del 2017 sarebbero aumentati fino a 36 HZ. E’ inoltre possibile tenere traccia di questo in tempo reale utilizzando il Observing System Space, qui.

Come ha rivelato la ricerca dell’istituto Heart Math attraverso la raccolta di un flusso continuo di dati dal campo magnetico della Terra, sembra essersi verificato un cambiamento nella coscienza globale, evidenziato dai cambiamenti nella frequenza di Schumann. Potete voi stessi guardare un calendario spettrogramma per vedere i cambiamenti, qui.

Inoltre, la ricerca suggerisce che, quando molte persone sono in allineamento pacifico, i cambiamenti di risonanza riflettano questo stato. In altre parole, stiamo cambiando la magnetosfera del pianeta con i nostri pensieri e le nostre azioni. Questa “coerenza” è probabilmente sostenuta anche dallo spazio. Le manifestazioni dei misteriosi fasci o pilastri di luce sono parte del cambiamento della risonanza e di conseguenza della magnetosfera della Terra.

La maggior parte di questi fasci di luce sembrano essere sparati dal basso verso l’alto, generando strisce verticali di luce non molto densa. Ad esempio nessuno è riuscito a spiegare il famoso raggio di luce che è stato visto sprigionarsi dalla punta della Piramide Kukulkan, fotografata da Hector Siliezar il 24 luglio 2009, mentre era in vacanza in Messico con la famiglia.

Sembra improbabile che tutte queste colonne luminose possano essere attribuite solo a dei fenomeni naturali, al malfunzionamento della fotocamera o a un problema tecnico del sensore digitale della fotocamera. Alcuni hanno avanzato l’ipotesi che la radiazione solare, interagendo con il campo magnetico terrestre, possa creare un campo di ionizzazione quando questa aderisce alle linee magnetiche del pianeta, trasformandosi così in ciò che vediamo come un raggio di luce, costituito appunto da particelle ionizzate cariche e che vengono trasportate dal vento solare fino nella nostra atmosfera. Si ritiene che questi fasci di luce possano influenza il campo magnetico della Terra e la risonanza di Schumann.

Il fisico Slobodan Mizdrak, che si interessa delle piramidi in Bosnia, asserisce che questi fasci di luce non sono altro che fasci di energia che arrivano dall’alto verso il basso, ovvero dallo spazio, e quando si avvicinano alla Terra si amplificano di più aumentando la loro potenza.

Ad esempio, lo stesso Dr. Mizdrak ha effettuato delle misurazioni con delle apparecchiature sulla vetta della Piramide del Sole, e per la prima volta nell’aprile 2014, ha notato che il flusso di energia venuta dall’alto era un flusso con un segnale molto potente. Lo stesso si può dire per il sistema di tunnel Ravne all’interno della piramide. Da ciò si può concludere che la Piramide del Sole in Bosnia è attiva ancora oggi. Il flusso di energia entra nella piramide, poi si converte e si irradia nello spazio, nell’atmosfera, in tutta la valle, poi negli edifici vicini, su tutte le persone e gli oggetti distanti. Non vi è dubbio che la Piramide del Sole in Bosnia come le altri piramidi in tutto il globo erano e sono parte di una rete di energia contenente un’informazione o codice globale, un ruolo particolare per l’evoluzione della Terra e la civiltà.

Questo fascio di luce è stato fotografato nel emse di Agosto 2016 a Fort Myer in Florida
Flussi di energia possono essere attivati da fulmini o temporali

Questi flussi di energia di solito non sono visibili ad occhio nudo, ma effetti meteo transitori, come temporali e fulmini, possono attivarli, diventando così visibili per pochissimi secondi. Questi flussi sono parte della griglia globale di energia o comunemente chiamati Ley Lines. Una volta attivati da una scarica elettrica (in questo caso un fulmine) oppure dalla radiazione solare e cosmica, questi flussi possono attivarsi di conseguenza creando “portali magnetici o stargate”.

Questi portali sono stati scoperti recentemente dalla NASA e risultano essere instabili: i portali magnetici sono quindi invisibili, instabili, sfuggenti e imprevedibili, tali da risucchiare anche un aereo o navi di grandi proporzioni e trasportarli in dimensioni spazio-temporali a noi sconosciuti, come accaduto nel Triangolo delle Bermude.

Articolo concesso da Segnidalcielo

Deslok Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...