Hack The Matrix
Ufo e Misteri

Siamo ancora schiavi degli Anunnaki

loading...

Si dice che gli antichi Anunnaki abbiano creato la razza umana attraverso la modificazione genetica di antichi esseri umani, per usarli come forza manuale. Ma prima che gli esseri umani fossero creati, gli Igigi furono stati utilizzati dagli Anunnaki come forza lavoro principale.

Gli antichi dèi, gli Igigi, astronauti di una generazione più giovane; i servi dei potenti Anunnaki venuti sulla Terra per l’oro.

La terminologia utilizzata per descrivere gli dei è estremamente complicata ed ha ancora bisogno di un sacco di studio. I ricercatori ritengono che il termine Igigi è di origine semitica e indica un gruppo di dèi nel pantheon mesopotamico. Non è ancora chiaro quale delle antiche divinità apparteneva Igigis, ma molti studiosi suggeriscono che sia Mardik, il dio protettore della città di Babilonia che è stato uno dei Igigi.

Gli studiosi di linea tradizionale usano il termine Igigi per riferirsi a divinità sumere. Secondo questi studiosi, mitologicamente parlando, gli Igigi erano i più giovani servitori degli Anunnaki, che hanno iniziato una ribellione contro i loro padroni e contro la dittatura di Enlil. Infine, gli Anunnaki sostituirono gli Igigi con gli esseri umani.

Il mito Atrahasis, la storia babilonese del Diluvio e un precursore della storia dell’alluvione in Gilgamesh , il paradiso sumero è descritto come un giardino in cui gli dei minori (gli’Igigi) sono stati messi al lavoro scavando un corso d’acqua per i suoi padroni, gli Anunnaki.

Quando gli dei lavoravano come gli uomini soffrivano di lavoro; il lavoro degli dèi è stato enorme, il lavoro era pesante; la sofferenza era grande “.

Gli Anunnaki fecero soffrire glii Igigi per il molto di lavoro.” (Linee 5-6)

Quando gli dèi, come gli uomini, lavoravano, portando il carico, il carico degli dei è stato grande, il lavoro doloroso, eccessivamente fastidioso. Il grande Anunnaku, Sete, stava facendo lavorare sempre di più gli Igigi.
L’ipotesi degli antichi astronauti suggerisce che gli Igigi erano simili agli Anunnaki, e rimanevano in orbita costante intorno al nostro pianeta. In sostanza, essi sono stati considerati come intermediari tra il nostro pianeta e Nibiru, la sede degli Anunnaki.

Molti credono che gli Igigi sono rimasti in orbita costante intorno al nostro pianeta, su piattaforme giganti che lavoravano ed elaboravano l’oro che veniva consegnato dalla Terra. Dopo l’elaborazione del materiale, veniva trasferito ad altre navi, e infine trasportato sul pianeta degli Anunnaki.

A quanto pare gli Igigi non hanno mai incontrato gli umani. Si dice, in diversi testi di riferimento, erano “troppo superiori per gli esseri umani”, e quindi “non si preoccupano di queste persone.”

Dopo anni di lavoro duro per gli Anunnaki, gli Igigi si ribellarono contro i loro padroni. Dicono che hanno dato fuoco ai loro strumenti e hanno circondato la grande casa di Enlil di notte, costringendo gli Anunnaki a trovare un’altra fonte di lavoro.

Questo è il motivo per cui l’antica Anunnaki, hanno sostituito gli Igigi con gli esseri umani geneticamente modificati, creando una maggiore forza sulla parte superiore del corpo.

Molti scrittori suggeriscono che l’umanità è una ‘razza schiava’ ed è stata creata dagli Anunnaki, che hanno geneticamente modificato gli antichi esseri umani circa 500.000 anni fa.
Per come vanno le cose sul nostro pianeta attualmente possiamo dire di essere ancora in schiavitù, delle grandi banche, delle grandi multinazionali, delle case farmaceutiche, del lavoro…le cose non sembrano essere cambiate molto rispetto agli antichi testi che parlano degli Anunnaki. Probabilmente non se ne sono mai andati.

a cura di Hackthematrix

loading...

Related posts

Che fine ha fatto l’enorme Snow Cruiser nella spedizione in Antartide nel 1939?

Deslok

Giorgio A. Tsoukalos: “Gli alieni hanno condizionato le elezioni presidenziali degli Stati Uniti”

Deslok

ESCLUSIVO: Una nuova mummia trovata in Perù sembra essere di origine aliena!!

Deslok

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.