Hack The Matrix
Scienze

Un “buco coronale” nel Sole può colpire la rete dell’energia elettrica mondiale.

loading...

I poli magnetici della Terra sono pronti a cambiare posizione e noi non simo assolutamente preparati.
La NASA (fonte RT) dice che le radiazione danneggia i passeggeri aerei molto di più di quello che si pensava precedentemente.
Esperti dicono che il Sole raggiungerà il minimo solare nel 2017.
Il 4 ottobre 2016 il Sole ha espulso un’enorme nube di plasma ed ha infranto lo scudo magnetico della Terra (fonte RT).
Blackout per tormente solari potrebbero costare agli USA 40 miliardi di dollari al giorno.
Il 9 febbraio 2017, i mezzi di comunicazione vanno in tilt con il blackout di Bruxelles mentre parte della città si immerge nell’oscurità. (fonte RT)
Un “buco coronale” nel Sole può colpire la rete dell’energia elettrica mondiale.

Immaginiamo uno scenario catastrofico: una parte della Terra rimane senza elettricità. Grandi città rimangono al buio.
Un grande blackout elettrico, come quello appena immaginato, è già avvenuto.
Accadde il 15 marzo 1989 in Canada e lasciò al buio dieci milioni di abitanti.
Al telegiornale, la giornalista Marie-Claude Lavallèe avvisa la popolazione:
“Buonanotte, ancora una volta, la città di Quèbec è rimasta senza elettricità la notte scorsa.”
” Stamani i quebecchesi si sono svegliati con una bella giornata invernale, ma dopo poche ore la rete dell’energia elettrica è colassata.”
Dopo molte ricerche , gli scienziati collegarono il gigantesco blackout elettrico a una grande tormenta che si era formata sulla superficie del Sole.


Queste burrasche di vento solare hanno inviato alla Terra particelle elettriche che si sono sparse lungo la superficie la cui forza ha prodotto una disfunzione nelle reti elettriche, provocando così il blackout generale.
Che cosa succederebbe se una tormenta solare simile avvenisse oggi?
Tutte le reti di comunicazione molto sensibili alla radiazione elettromagnetica del Sole potrebbero subire gravi danni.
Blackout elettrici, blackout nei satelliti che danneggerebbero i GPS, la telefonia mobile e di conseguenza il funzionamento della nostra società.
Nel 2009 , una relazione dell’Accademia delle Scienze statunitense e della NASA stimò che una sola tormenta solare di grande entità potrebbe far crollare l’economia statunitense in dieci anni, con un costo stimato di sei bilioni di dollari.

Sacha brun, Astrofisico

Sacha Brun, (Astrofisico della Commissione di Energia Atomica di Saclay, fonte www.rive.es ):
“Quando avviene un’eruzione, questa materia esce nello spazio e viaggia attraverso tutto il sistema solare, questo è ciò che chiamiamo meteorologia spaziale.
Quello che ci interessa come ricercatori, è comprendere la propagazione di queste nubi magnetiche e come possono influire sui pianeti.”
Un flusso costante di particelle elettriche derivanti dal Sole bagna costantemente il nostro pianeta, la Terra.
Questo vento solare tarda circa due giorni ad arrivare da noi, poi viene deviato verso i poli dal campo magnetico che circonda la Terra.
Quando le particelle elettriche del Sole entrnon in contatto con gli atomi dell’atmosfera superiore, avviene una reazione luminosa.
E’ così che si formano le aurore boreali, che sono la manifestazione più visibile dell’attività solare sulla Terra.
E’ stato durante un ciclo di bassa attività quando si è prodotta la maggiore tempesta solare mai registrata sulla Terra.
E’ stata chiamata ‘Evento Carrington’. L’1 settembre del 1859, l’astronomo inglese Richard Carrington osservò alcune enormi macchie solari delle quali  realizzò alcuni bozzetti.


La notte seguente, si osservarono aurore boreali fino ai Caraibi, con una luminosità intensa che , secondo attestazioni dell’epoca, si poteva leggere il giornale in piena notte.
Le correnti elettriche si propagarono lungo il suolo, vari telegrafi s’incendiarono e molti telegrafisti subirono scariche elettriche. Se questo evento si producesse oggi, le conseguenze sarebbero incalcolabili.

David Berghmans

David Berghmans (Direttore Operativo del Centro Europeo di Coordinazione di Meteorologia Spaziale SSSC):
“Quando inizia un’eruzione bisogna prevedere se avrà un effetto sulla Terra. Perciò, facciamo un monitoraggio costante delle eruzioni.
Addirittura quando siamo sicuri che le eiezioni arriveranno sulla Terra, dobbiamo determinare la loro importanza in relaione ad altre anteriori.
Il massimo che possiamo fare è di prevedere l’arrivo di un evento significativo, calcolare l’ora stimata in cui raggiungerà la Terra e comunicare la probabilità che causi una tempesta geomagnetica, ma nonostante ciò non possiamo quantificarla.”
La Terra è abituata dagli albori dei tempi alle tempeste solari.
Non sono più importanti attualmente, ma le loro conseguenze si, lo sono in questo mondo tecnologico che l’uomo ha costruito, un mondo molto fragile.
Il 23 luglio 2012 immagini ottenute dal satellite mostrarono la violenza di un’eruzione solare.
Quelle immagini hanno permesso agli scienziati di giungere alla conclusione che questa tempesta è stata più intensa di quella di Carrington nel 1859.
Se avesse raggiunto la Terra, il nostro mondo si sarebbe ritrovato completamente distrutto.
Fortunatamente per noi, la tempesta si disperse in una direzione opposta al nostro pianeta.


Sacha Brun, (Astrofisico della commissione di Energia Atomica di Saclay):
“Eventi grandi cento volte l’Evento Carrington, si verificano all’incirca ogni 800 anni. E un evento 10.000 volte maggiore del Carrington, siproduce ogni 5.000 anni.
Addirittura, nel lasso temporaneo della civiltà umana, la probabilita che si produca una super eruzione non è per niente trascurabile. E gli effetti sulla nostra società tecnologica sarebbero devastanti.”
Duecento anni fa la gente sapeva vivere senza elettricità!
Non è triste che oggigiorno siamo così dipendenti dalla tecnologia, da diventare vulnerabili di fronte ad una distruttiva tormenta solare, così come siamo incapaci di vivere senza elettricità, oltre a non saper sopravvivere aiutandoci tra noi?

a cura di  Hackthematrix

loading...

Related posts

Claudius Gros : “Così trasporteremo la vita dalla Terra a nuovi mondi disabitati”

Deslok

Legame vaccini, autismo e danni cerebrali, ecco le cause perse dal ministero

Simona Ruffini

Il mistero della “ stella degli alieni ”: torna a indebolirsi e mobilita gli astronomi

Francesco Russo

1 comment

Gli USA si stanno preparando ad un eruzione solare catastrofica febbraio 22, 2017 at 8:43 am

[…] a cura di  Hackthematrix […]

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.