Home controinformazione Ferrara, una città in decadenza
Ferrara, una città in decadenza

Ferrara, una città in decadenza

0
loading...

Eravamo abituati bene nella nostra città di Ferrara, fino a qualche anno fa si viveva bene. Una cittadina tranquilla, dove alla sera potevi girare tranquillo.

La tua passeggiata in centro tra i nostri meravigliosi monumenti. Nell’allora prestigisa via San Romano a vedere i negozi con vetrine belle e luminose. Parcheggiavi la macchina tranquillamente in Kennedy senza che gente di colore ti chiedesse insistentemente soldi alla cassa.
Ma in pochi anni tutto è cambiato in maniera drastica. La città si è riempita di immigrati, esistono zone ormai in mano a questa gentaglia. Furti, aggressioni, rapine ed anche episodi di guerriglia urbana sono diventate all’ordine del giorno. Proprio in questi giorni nella zona di via Verga alcuni malviventi hanno danneggiato gravemente le automobili in sosta per poi ripulirle all’interno.

Senza contare i continui furti nei garage durante la notte, che oltre al danno causato, naturalmente sparisce tutto al suo interno.
Esistono zone ormai off-limits, la zona GAD, la zona stadio e molte altre.

Foto- estense.com

Episodi di guerriglia tra bande di nigeriani sono accadute nei mesi scorsi nella zona di via Porta Catena, via Belvedere tra la paura e l’incredulità della gente.
Altri episodi simili anche nella zona di via Baluardi, dove spesso accadono fatti di violenza e danni alle vetture in sosta.
Immigrazione incontrollata,il che equivale alla città invasa da extracomunitari a danno dell’intera popolazione. Basta fare un giro in centro per capire la situazione, in ogni angolo persone di colore che domandano soldi a volte in maniera aggressiva.

Vendita di materiale come libri, ombrelli e mercanzia di ogni genere, naturalmente alla luce del sole senza permessi senza ricevuta fiscale..però ad una parrucchiera hanno fatto una multa di ben €180 per avere messo un tappetino rosso di piccole dimensioni in occasione delle feste di Natale. Pensate a dove siamo arrivati!!
Un razzismo al contrario insomma noi danneggiati nella nostra città, ma a loro tutto è permesso.
Pensate solo nell’occasione dell’ultimo dell’anno in piazza si sono fatte le “barricate” per paura di un attentato in stile Berlino!!
Prima prendiamo in città cani e porci e poi ci chiudiamo dentro per paura di essere assaliti o uccisi..
Paradosso? No questa è l’Italia voluta dal PD, questa è la città voluta dal PD.
Senza parlare della situazione Palaspecchi dove nonostante le mille parole spese dall’amministrazione la situazione non è cambiata. Continuano infatti le proteste di Nicola Lodi, esponente della Lega Nord di Ferrara, che chiede certezze sulla questione. Apparso anche più volte nelle TV nazionali, come su Rete 4 nella trasmissione “Dalla vostra parte” insieme ai cittadini stanchi ed indignati da questa situazione.
L’amministrazione, dalla sua, ha promesso una bonifica ma ancora non si vede nulla…

Oltre alla Lega Nord a Ferrara sono nati dei gruppi di cittadini apartitici che lottano per la causa. Citiamo il gruppo “Insorgenti” fondato da Alberto Ferretti (trovate il loro nuovissimo sito all’indirizzo www.insorgenti.it),  del gruppo “Riprendiamoci  Ferrara” e del gruppo “Ferrara Real Time“. Gruppi che oltre ad essere operativi sul territorio trovate anche su Facebook cliccando sui link.

Foto- estense.com

Tornando alla gravità della situazione ferrarese, pensate proprio oggi sui giornali locali c’è la notizia della chiusura di una bottega storica delle biciclette di Ferrara, “Garbini”, una delle cause? Troppo frequenti i furti subiti.
Diciamo che anche Ferrara, purtroppo, si sta standarizzando alle città più grandi, si sta andando in una direzione che non porterà di sicuro dei benefici per i cittadini ma tutt’altro.
Serve al più presto un cambio di direzione.

a cura di Sergio T. – HTM

Deslok Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...