Home KARMANAUTICA A pochi passi dall’apocalisse
A pochi passi dall’apocalisse

A pochi passi dall’apocalisse

4
loading...

A pochi passi dall’apocalisse

Inutile citare brani dell’Apocalisse di Giovanni, basta guardarsi intorno; morte, distruzione, fame, guerra, correnti ofidiche di odio impestano la nostra terra che, bruciante di vapori velenosi, sembra scuotersi da brividi malarici. Non si salva nulla, è una vera e propria crisi che affligge dalla società alle nazioni, dal clima all’animo umano.

Ogni giorno veniamo informati dai media, (plagiati, illusi, avvisati, vedete voi) di nuove catastrofi umanitarie, di catastrofi naturali, di terremoti, di omicidi efferati, di massacri di massa in nomi di dei, come se nell’uomo solo la componente bestiale si fosse sviluppata a scapito di quella umana.

Odio che corre anche nell’etere ed entra casa per casa, da anima a anima, strisciando subdolamente all’interno delle menti che, rimangono contaminate. Un contagio che in un “entaglement karmico” colpisce in modo subitaneo attraverso internet, “the net”… non a caso chiamata “La rete”, non dimenticando che un altro suo sinonimo è “the web” che significa “la ragnatela”. Chi di voi si sente il Ragno e chi la mosca?

Siamo di fronte ad un mondo sull’orlo di una vera catastrofe mascherata di indifferenza, una noncuranza che arriva fino alla soglia di casa nostra ma che, non superandola, sembra essere distante migliaia di chilometri.

TAURANGA, NEW ZEALAND - OCTOBER 12: Soldiers clean up the oil spill on Papamoa Beach on October 12, 2011 in Tauranga, New Zealand. Up to 350 more tonnes of oil has spilled from the "Rena" a Liberan cargo ship stricken off the coast of Tauranga since October 5. The ship's Filippino captain has been charged and is facing an $80,000 fine and 12 months jail time. New Zealand Officials are calling this the worst maritime environmental disaster in the country's history and claim it is likely to worsen before it improves. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Una criminalità strisciante che sembrava essere relegata nelle grandi metropoli e che pareva essere incarcerata dentro la tv ora colpisce con la sua virulenza anche le strade delle piccole città e dei paesi, persone che non sanno più come difendersi dalla paura di essere bersagli e che sono costrette ad evitare zone ormai preda di piccoli “boss” che si sentono intoccabili e protetti dalle stesse leggi che dovrebbero tutelare i cittadini. Governi che per interessi economici dirigono fiumi di persone disperate in nazioni già oppresse dalla disoccupazione e dal disagio, facendoli credere in un’accoglienza che non può esistere, facendoli sperare in una vita migliore.. come se essere considerati invasori sia una vita migliore, come se essere sfruttati dai caporali sia una vita migliore, come se essere sfruttati e gettati per strada a spacciare o prostituirsi sia una vita migliore, come se morire durante un disperato tentativo per transitare in un’altra (presunta) Nazione accogliente sia una vita migliore, come se dormire stipati come bestiame sia una vita migliore. Nuovi schiavi di una mendace accoglienza basata su foschi interessi e guadagni illeciti dei potentati della terra che alimentano questo mercato della carne umana, il tutto abbondantemente innaffiato da un buonismo che ignora gli scopi sotterranei di queste correnti maligne, complici inconsapevoli della diffusione di questo cancro che crea nuove metastasi di odio tra razze (apparentemente) diverse.

Ricche popolazioni che sfruttano le popolazioni più povere, folle di radicalchic indignati che sfilano in cortei sulla tolleranza e la pacifica convivenza indossando capi firmati cuciti dai bambini 2siriani, bevono a tavola le bevande della coca cola tanto apprezzata anche dall’americano Babbo Natale che usa le arance di Rosarno per le aranciate sfruttando la manovalanza africana, cito da sito(https://www.greenme.it/vivere/lavoro-e-ufficio/7552-6-multinazionali-coinvolte-nello-schiavismo-e-nello-sfruttamento-del-lavoro-minorile#accept) “la raccolta delle arance destinata alla produzione delle bibite del noto marchio avvenisse in condizioni di schiavitù per mano di migranti provenienti dall’Africa, spesso dopo aver raggiunto le coste italiane a seguito di una squallida traversata vista come unica speranza di sopravvivenza.

3Magari gli stessi radicachic sfilano fumando le Philip Morris “Nel 2010 la multinazionale del tabacco Philip Morris ammise la presenza nelle proprie piantagioni di almeno 72 bambini dell’età di 10 anni, coinvolti nella raccolta del tabacco e a rischio di subire un avvelenamento da nicotina.” (Sempre dal sito citato precedentemente) E potrei continuare ancora con altri marchi che usa lo sfruttamento come metodo di estremo risparmi per un  estremo guadagno…

Shaitan, Satana, l’avversario, l’oppositore che porta dissenso, che rende un dialogo tra persone, vacui monologhi tesi alla sopraffazione attraverso le individuali pulsioni egoiche, ormai ha fatto della nostra Terra la propria casa, giocando con le menti deboli e stordite di tutti quegli umani che si accontentano delle “perline” che gli getta a piene mani. Ovviamente Shaitan ha bisogno di mani che lo aiutino, per questo si serve delle grosse multinazionali, cosicchè gli umani possano essere accontentati capillarmente. 5

Il prodigo Satana lancia nel camino, come un prodigo Babbo Natale, le nuove marche di autovetture, i nuovi smartphone, e tutte quelle chincaglierie a scadenza fissa (leggasi obsolescenza programmata) che costringono i poveri “umanioti” a vendersi l’anima una rata via l’altra… Schiavi di una vita spesa ad arricchire il prossimo e co-responsabili dello sfruttamento della nostra Terra.

Dopo avere letto queste poche righe chi di voi si sente il Ragno e chi la mosca? Wake up little fly…

 

di Alberto Bergamini – HTM

Alberto Bergamini
Alberto Bergamini
Deslok Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

Comment(4)

  1. 2 Timoteo
    3 Ma sappi questo, che negli ultimi giorni+ ci saranno tempi difficili.*+ 2 Poiché gli uomini saranno amanti di se stessi, amanti del denaro, millantatori, superbi,* bestemmiatori,* disubbidienti ai genitori,+ ingrati, sleali,+ 3 senza affezione naturale,+ non disposti a nessun accordo,*+ calunniatori,*+ senza padronanza di sé, fieri,*+ senza amore per la bontà,+ 4 traditori,+ testardi, gonfi [d’orgoglio],+ amanti dei piaceri anziché amanti di Dio,+ 5 aventi una forma di santa devozione*+ ma mostrandosi falsi alla sua potenza;+ e da questi allontànati.+

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...