Home controinformazione Facebook? Ci siamo tutti autoschedati..
Facebook? Ci siamo tutti autoschedati..

Facebook? Ci siamo tutti autoschedati..

1
loading...

Facebook, chi non è iscritto a questo Social Network? Con una forza dirompente Facebook, dodici anni fa, entrò nelle nostre vite.

Da quel giorno per noi tutti qualcosa cambiò. Potevamo in poco tempo dire qualsiasi cosa con tanto di foto e commenti nel giro di un secondo da qualsiasi parte del Mondo. Interagire praticamente in diretta,con qualsiasi persona,amici parenti… Le nostre emozioni, i nostri viaggi, le nostre opinioni, insomma qualsiasi cosa.

_90153173_mediaitem89863488

Un innovazione quotidiana che era destinata a cambiarci la vita. Non per niente Mark Zuckenberg, ideatore del Social, strappò la prima pagina della famosa rivista TIME. Passa il tempo,passano gli anni, Facebook cresce a macchia d’olio. Milioni di iscritti a oggi, diventando uno dei maggiori mezzi di comunicazione del pianeta. Mark, diventa uno degli uomini più ricchi del Mondo in pochissimi anni. Insomma il “ragazzo” si è dimostrato un genio, dalle larghe visioni.

La piattaforma Facebook diventa una macchina da soldi incredibile.

Ma pensiamoci bene,noi ci siamo autoschedati. In che senso?

Nel senso che abbiamo messo a disposizione, per tacito assenso, tutti i nostri dati. Dove abitiamo, con chi ci frequentiamo, in che posto siamo, che voto PD, che voto PDL, che sono stressato….tutti i nostri pensieri del momento si materializzano alla mercee di tutti.

Ma allora la Privacy tanto acclamata da tutti?

In un certo senso va a farsi benedire. Sapete che se un giorno decideste di cancellarvi dal Social,i vostri dati rimarranno comunque in un gigatesco server?

Inquietante,anche tutte le foto che si cancellano,rimangono comunque nel server…

Un giorno un certo Max Schrems, un ragazzo normalissimo come noi, decide di fare causa a Facebook.

9773777bac48294575e2be02730c6b9d__schrems-vs-facebook-s1260_4stry_jpg_1331720_1164
Max Schrems e Mark Zuckerberg

Ritiene che il Social viola la nostra Privacy e lo fa di continuo fornendo i dati alla NSA ( US National Security Agency).

Nel 2011, Max incomincia a fare sul serio vuole vederci chiaro. Max vuole da Facebook tutti i suoi dati indietro,tra cui anche tutte le chat private. La risposta da parte del Social non si fa attendere troppo. Max riceve a casa tutto quello che ha chiesto, nonostante si fosse cancellato da tempo, un super archivio di oltre 1200 pagine..tutti quello che aveva postato e pure tutte le chat private.

Max Schrems rimane sbalordito, e divulgando la sua storia in rete diventa un “eroe” e in tanti incominciano a percorrere la sua strada.

Max-Schrems
Max Schrems

Max aveva vinto la sua piccola, ma grande guerra contro Mark Zuckemberg facendo valere i propri diritti.

Quindi stiamo attenti a questi Social sono un arma a doppio taglio, qualcuno potrà risalire sempre a ciò che hai scritto in un preciso momento e magari con molta leggerezza. E se un gruppo di hacker tipo gli Anonymous avesse già violato i server di Facebook? In che mano sarebbero i nostri dati personali?

di Sergio T. – HTM

Sergio T.
Sergio T.
Admin Indagatore dell'insolito e dei fenomeni inspiegabili.

Comment(1)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...