Hack The Matrix
Controinformazione

LA CHIAMANO INVISIBILE NET, DEEPNET, DARKNET. COS’È?

loading...

1996

Nasce il deep web

L’internet invisibile nasce per scopi militari. Da un’idea della Marina statunitense e, in particolare, dall‘US Naval Research Laboratory, viene utilizzato per trasmettere dati e materiali segreti.

 

DEEP WEB: COS’È E COME FUNZIONA IL LATO OSCURO DELLA RETE

Di  FLORIANA GIAMBARRESI

Quando navighi in Internet usando i motori di ricerca per scovare i contenuti che stai cercando, in realtà stai solo galleggiando sulla superficie del Web. Sotto questa superficie c’è un vero e proprio oceano di dati e contenuti che la maggior parte di noi non ha mai visto, e si chiama Deep Web: cos’ècome funziona e soprattutto cosa accade in questo lato oscuro della rete?

DEEP WEB: COS’È

Anche se la definizione di deep web è poco nota e compresa, capire cos’è è piuttosto semplice. Più che altro pensaci in termini di motori di ricerca: per fornirci i risultati di ricerca, Google e Bing scansionano le pagine dei siti elaborando numerose informazioni, ma possono farlo solo con le pagine statiche, come quella che stai leggendo in questo momento. Quelle che non rilevano sono le pagine dinamiche, come quelle che vengono generate quando fai una domanda su un database online, ma anche le pagine dietro reti private o pagine indipendenti che non si collegano a nient’altro. Queste fanno tutte parte del web invisibile, una grossissima parte della rete dove si svolgono attività particolari: da quelle che devono esser tenute segrete per motivi di sicurezza fino a quelle illegali come la vendita di droghe, organi umani, documenti falsi, armi, materiale pedo-pornografico e molto altro.

COME FUNZIONA

La stragrande maggioranza dell’internet sommerso contiene pagine con informazioni davvero preziose, come ad esempio documenti governativi riservati che non possono esser condivisi pubblicamente, raccolti in una quantità incredibile di siti segreti a cui si può accedere solo tramite un servizio speciale. Se vuoi capire come accedere al Deep Web puoi usare TOR (acronimo di The Onion Router).

Accedendo a TOR (o a un altro servizio), dovrai digitare l’indirizzo del sito che desideri visualizzare – esattamente come faresti in un tradizionale browser – e sarai trasportato lì in pochi secondi. Tutti i siti che fanno parte del deep web hanno il dominio .onion (in italiano cipolla) e questo sta a indicare che sia il provider sia l’utente sono anonimi e difficili (ma oggi non impossibili) da tracciare. TOR impedisce l’identificazione degli utenti online, nascondendo l’indirizzo IP reale, e sfrutta la crittografia per l’invio dei dati. Ecco perché il servizio viene spesso usato per attività illegali, ma è anche vero che chi decide di accedere al deep web non lo fa solo per questo. Qui infatti si trova veramente di tutto (pensa che il web “tradizionale” per come lo conosciamo noi, rappresenta solo l’1 per cento dell’intero World Wide Web… lo avresti mai detto?): la mole di materiale presente è inimmaginabile, è un oceano pazzesco di informazioni di ogni tipo. Esattamente come nella vita reale, possiamo trovare cose buone e cose cattive, ma di certo cercarle non è semplice.

Per navigare e muoversi all’interno del deep web devi infatti fare affidamento a delleliste compilate di link come la Hidden Wiki o ai forum di utenti. Ma nemmeno in questo modo la navigazione è assicurata – o perlomeno immediata – dato che le pagine cambiano spesso indirizzo proprio perché i proprietari vogliono garantirsi una maggiore sicurezza.

Sicuramente il modo migliore per immergersi nel deep web è quello di sperimentare, sperimentare, sperimentare.

 

UN LIBRO SUL DEEP WEB

 

Da amante della Rete, mi piacerebbe saperne di più su questo argomento e per questo motivo ho contattato Carola Frediani, l’autrice di Deep Web – La rete oltre Google: Personaggi, storie e luoghi dell’internet profonda. Su Amazon ho notato parecchi pareri positivi sul suo libro e quindi, incuriosita, le ho chiesto di dirmi perché dovrebbe piacermi in poche righe. Questa la sua risposta (grazie Carola!)

La ragione per cui ho scritto il libro sul Deep Web è che volevo andare oltre le semplificazioni giornalistiche che di solito lo caratterizzano. L’idea era di dare conto, in minima parte, di un universo complesso, problematico ma anche affascinante, cogliendone le sfumature. Per fare un esempio concreto: l’incredibile vicenda di Silk Road, il mercato nero della droga online, di cui parlo ampiamente all’inizio, non solo è piena di colpi di scena, ma va ben oltre la mera storia di “spaccio” digitale. C’è anche un aspetto “culturale”, che ha fatto molto discutere, a partire dalle idee del suo fondatore, Ross Ulbricht, da poco condannato all’ergastolo. Per non parlare poi della bizzarra commistione che si può trovare nelle darknet: criminali ma anche attivisti politici, giornalisti e dissidenti. O semplici curiosi. In un’era di controllo pervasivo delle comunicazioni digitali, il deep web resta dunque un’area più libera e sfuggente, dove trovano rifugio soggetti molto diversi, anche dal punto di vista morale.

Il deep web sembra comunque l’anarchia più totale, se vuoi provarlo cerca di navigare in maniera responsabile. Certo, anche nel web “tradizionale” i pericoli non mancano… ma vabbè, questo è un altro discorso. FONTE 

DOCUMENTARIO: DEEP WEB

Deep Web Official Trailer 1 (2015) – Documentary HD 

Alla scoperta di cosa si nasconda dietro uno dei crimini digitali più importanti e rilevanti degli anni Duemila, culminato con l’arresto del trentenne imprenditore Ross William Ulbricht (creatore del sito pirata Silk Road), si esplora come le battaglie informatiche siano sempre più connesse all’idea di controllo in un futuro indissolubilmente legato alla tecnologia…

LA VOCE DEL MASTER

La chiamano invisible net, deepnet, darknet. Lo chiamano deep web. Il luogo dove i nostri soliti motori di ricerca non funzionano più e il governo si muove a stento. Un web criptato e oscuro. Un web che dicono sia frequentato da criminali, spacciatori, truffatori e venditori di malware. La definiscono cybercriminalità che pare cloni carte di credito, traffichi armi e spacci droga attraverso Tor – il software open source – e Bitcoin, la criptovaluta degli acquirenti affezionati della darknet. È il regno indiscusso di Silk Road, la mecca degli stupefacenti online smantellata dall’FBI, e di Anonymous, il movimento di attivisti – hacktivisti – della rete e delle loro manifestazioni online. Quell’angolo “di remoto” in cui nessuno è identificabile e tutti fanno tutto.

In realtà, il web sommerso non è soltanto questo. È ricco di siti dove la gente naviga in maniera del tutto innocua. Dai database della NASA, della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, all’Ufficio Brevetti e Marchi. Dal club di lettura di Jotunbane, dove i libri più popolari sono di fantascienza, alla Biblioteca Imperiale di Trantor per chi ama discutere di politica. Tutti siti a cui si può accedere anche dal web “di superficie”, certo. Ma ladarknet fornisce “l’uso di tecniche che danno la possibilità alle persone di comunicare anonimamente e in maniera onesta. L’utente sofisticato realizza che ciò che si fa sul web lascia molte tracce, quindi sceglie il deep web quando non vuole essere rintracciato”, sostiene Ian Walden nel suo Free open source and software. “Spesso è il senso di appartenenza che tiene unite queste sottoculture in un mondo digitale sempre più astratto e impersonale”.

Deep Web – il film racconta tutto questo. A partire dall’arresto di Ross William Ulbricht, il trentenne fondatore di Silk Road, mostra le menti che si nascondono nel deep web e mette in discussione i diritti di un individuo sulla libertà in rete. Il film documentario, la cui uscita in Italia è prevista nel 2016, getta luce sulla darknet e mostra le interviste esclusive ai genitori di Ulbricht, Lyn e Kirk che, per forza di cose, sono diventati pubblici sostenitori dei diritti digitali.

Per ripercorrere le tappe salienti del web invisibile, date un’occhiata alla timeline riportata qui sotto:

Cliccare per accedere alla timeline interattiva. Crediti: Saria Mazzacane

Cliccare per aprire la timeline interattiva. Crediti: Saria Mazzacane

FONTE  

loading...

Related posts

A Vicenza a Natale si canta arabo! L’intervento di Sgarbi è memorabile

Deslok

Venezuela: Le foto che i grandi Media del “Mondo Libero” non vi hanno mostrato

Deslok

CONTROINFORMAZIONE “Fake News, Colti In Flagrante”. Il Video Che Mostra La CNN Mentre Organizza Un Sit In

Deslok

1 comment

LA CHIAMANO INVISIBILE NET, DEEPNET, DARKNET. COS’È? | Misteri e Controinformazione - Newsbella giugno 17, 2016 at 10:11 am

[…] LA CHIAMANO INVISIBILE NET, DEEPNET, DARKNET. COS’È? sembra essere il primo su Hack the […]

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.